ACCUSE DI FANTINI A CONSIGLIERE PALMIERI SONO “INFONDATE”

“Episodi destituiti di ogni
fondatezza”. Alleanza popolare convoca la stampa per difendere il
suo esponente Stefano Palmieri dalle accuse, pubblicate oggi dal
quotidiano sammarinese “l’Informazione”, fattegli piovere addosso
dall’ex amministratore delegato della Cassa di risparmio della
Repubblica di San Marino, Mario Fantini. E ipotizza una manovra
politica per punire il suo atteggiamento intransigente ai tempi
degli arresti dei vertici dello storico istituto di credito
sammarinese.
Secondo Fantini, Palmieri, da anni dipendente e dirigente in
Crrsm, avrebbe disatteso la normativa antiriciclaggio in merito a
due operazioni del 1998 e del 1999. Tutto falso secondo il
partito che si sente ormai nel mirino e sta meditando, spiega
alla stampa il coordinatore Alberto Selva, delle possibili azioni
di rivalsa. Ai tempi Palmieri non faceva parte di Ap, ma il
partito “gli e’ vicino e lo supporta”. Le operazioni tirate in
ballo da Fantini, aggiunge il diretto interessato, sono
“normalissime, non sospette”, e infatti nessuna segnalazione e’
stata inoltrata dal direttore generale all’Ispettorato di credito
e valuta. L’ex ad, aggiunge Palmieri, “si e’ appropriato di
documenti interni alla banca, un fatto grave” e li ha poi
consegnati alla Procura di Forli’ “per fare clamore mediatico”.
Evidentemente “i fini sono diversi da quelli dichiarati, sono
fini politici”.

D’altronde, da’ la sua lettura il
consigliere Mario Lazzaro Venturini, “dopo il segretario di Stato
Antonella Mularoni, Palmieri e’ il secondo esponente del nostro
partito tirato in ballo da Fantini”: insomma si e’ di fronte a
“una vicenda allucinante che fa venire forti dubbi sul fatto che
si voglia colpire il partito per l’atteggiamento tenuto nei
confronti della dirigenza della banca: siamo stati tra le poche
forze politiche a puntare il dito contro gli amministratori di
Crrsm”.

Chiedendo tra l’altro l’avvio di azioni di responsabilita’ da
parte dei dirigenti. E ora “raccogliamo i frutti del nostro
atteggiamento intransigente. Non vogliamo minimizzare nulla,
bensi’ fare piena luce su quanto accaduto”.

“I colpi bassi in questo periodo si
sprecano”. Tant’e’ che un esponente dell’opposizione va in giro a
dire che il consigliere Stefano Palmieri era presente a Palazzo
Begni al famigerato colloquio tra l’ex amministratore delegato
della Cassa di risparmio di San Marino, Mario Fantini, e due
segretari di Stato della Repubblica.
“Una parte della politica- attacca il consigliere di Ap Mario
Lazzaro Venturini- e’ completamente fuori di testa”. Anche se,
non nasconde, “le critiche a volte maggioranza e governo se le
cercano proprio”. Comunque “il Patto tiene”. E per tutta una
serie di motivi, spiega Venturini. Intanto “non ci sono
alternative”; inoltre al suo interno ci sono “forze responsabili
con un buon feeling”. Infine “la legge elettorale aiuta e nessuno
puo’ prendersi ora la responsabilita’ di aprire una crisi di
governo”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy