Adesso a San Marino i numeri della crisi fanno paura

Nella Repubblica di San Marino i numeri della crisi cominciano a fare paura: 1.461 disoccupati, 1.780 lavoratori in cassa integrazione
Vale a dire che ben 3.241 sono senza lavoro su una popolazione di 31mila abitanti.
Complessivamente, e i dati sono aggiornati al 28 febbraio, sono le persone senza lavoro.
Numeri stratosferici per la realtà sammarinese dove, solo un anno fa, i disoccupati in senso stretto erano appena 161. Numeri destinati a pesare anche nel confronto avviato dal Governo per il rinnovo dei contratti di lavoro, il rilancio dell’economia, gli ammortizzatori sociali, le politiche di bilancio e la difesa del potere d’acquisto.
L’Esecutivo propone il blocco delle tariffe di acqua, luce e gas per tutto il 2009, di rivedere l’indennità di disoccupazione per i lavoratori a tempo determinato e di estendere la cassa integrazione al settore dei servizi, insieme ad uno stanziamento straordinario di risorse, sempre per cassa integrazione e mobilità. Ma chiede anche la flessibilità degli orari di lavoro e l’allungamento del periodo di prova fino ad un massimo di 18 mesi che proprio non va giù al sindacato ma che non convince neanche al Segretario di Stato per il Lavoro.
L’ultimo confronto parlamentare sugli ammortizzatori sociali si è concluso con un ordine del giorno approvato all’unanimità. La proposta del Governo, secondo il sindacato, non rispetta i principi ratificati dall’aula consiliare.

(Sonia Tura, San Marino Rtv)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy