3/01/2008 Dalla Commissione Urbanistica a quella per le Politiche Territoriali. Continuità

Dalla Commissione Urbanistica a quella per le Politiche Territoriali.
Continuità

 L’INFORMAZIONE DI SAN MARINO 3/01/2008
(
Territorio, cambia la
commissione ma i membri sono sempre gli stessi. ‘L’Associazione Micologica e
l’Associazione Ephedra hanno invano denunciato la farsa’
)

Il miglior esempio
di continuità nell’azione dei governi che si sono succeduti nella Repubblica di
San Marino dagli anni Novanta è la distruzione del territorio. Il nuovo governo,
formato da Psd, Ap, Su e Ddc, insediato da meno di un mese, ha subito dimostrato
di non voler essere da meno rispetto ai precedenti.

Il territorio, si
sa, è stato disastrato in primo luogo attraverso la Commissione Urbanistica,
dove ha imperversato l’inciucio fra forze di governo e di opposizione. Non ha
meravigliato, ad esempio, la notizia,  uscita questa estate da una diatriba
politico-affaristica,  che
 il progetto Admiral Point, con annessi e
connessi, sia stato approvato a suo tempo in Commissione Urbanistica anche col
voto favorevole del rappresentante di Alleanza Popolare (allora
all’opposizione).

Per porre fine
alla distruzione del territorio l’Associazione Micologica Sammarinese –
Presidente Augusto Michelotti – ha chiesto l’abolizione della Commissione
Urbanistica. Presto fatto. Il governo Psd, Ap ed Su l’ha sostituita con la
Commissione per le Politiche Territoriali.

Di fatto è
cambiato solo il nome.

L’Associazione Micologica – Presidente Raniero Forcellini –  e
l’Associazione Ephedra invano hanno denunciato la farsa. Addirittura i
componenti sono rimasti quasi per intero gli stessi (elezione del 28 novembre,
governo Psd, Ap, Su e Ddc).

Urbanistica (13/09/2006)

Politiche territoriali

(28/11/2007)

Bindi F.

De Biagi G.

Felici C.

Galassi C.

Michelotti A.

Mularoni P.M.

Venturini G.C.

 

Bindi F.

De Biagi G.

Felici C

Galassi C.

Michelotti A.

Bartoletti F.

Venturini
G.C

Nella conferenza
stampa di fine anno è stato detto che il governo Psd, Ap, Su e Ddc non intende
farsi condizionare dagli speculatori. Ebbene in quello stesso giorno lo stesso
governo ha fatto bocciare in Consiglio senza alcuna esitazione delle Istanze
d’Arengo presentate dall’Associazione Micologica e dai Popolari per porre un
freno alla devastazione del territorio.

La prima
chiedeva che nelle politiche territoriali venisse prevista la verifica di
conformità ai progetti approvati. La seconda istanza chiedeva che l’alienazione
di immobili fosse soggetta alla preventiva conformità edilizia. Le altre due
istanze chiedevano di introdurre nell’ordinamento i diritti di accesso alla
giustizia in materia ambientale. L’ultima istanza chiedeva incontri pubblici
prima di approvare piani particolareggiati”
(L’Informazione di San Marino,
22/12/2007).

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy