Assemblea di Noi Sammarinesi sul nuovo governo

L’assemblea del movimento NOI SAMMARINESI, durante la riunione settimanale svoltasi la sera del 3 luglio, ha ampiamente analizzato e dibattuto gli ultimi avvenimenti politici, esprimendo le seguenti considerazioni.

Ha particolarmente apprezzato e pienamente condiviso il lavoro eseguito con estrema coerenza, responsabilità e impegno dai rappresentanti del movimento in una fase politica estremamente delicata quale quella che il Paese sta vivendo.

Ha valutato di grande importanza l’azione che assieme a tutti i partiti di opposizione (Europopolari Sammarinesi, Partito Democratico Cristiano Sammarinese, Nuovo Partito Socialista, Popolari Sammarinesi, Alleanza Nazionale Sammarinese) è stata portata avanti con Alleanza Popolare, azione caratterizzata da lealtà e coerenza anche in queste ultime concitate fasi della crisi politica in atto.
Alla luce della nuova legge elettorale, l’assemblea di NOI SAMMARINESI valuta questa azione, congiunta e condivisa, come il seme per la nascita di una coalizione forte e vincente, che vuole essere alternativa al vecchio sistema di “fare politica” e a questa nascente maggioranza social-comunista.

Avendo intravisto la possibilità di effettuare un vero cambiamento nel metodo e nell’azione verso il Paese e la cittadinanza, al di là delle sigle e dei colori partitici, con l’unione di quelle forze che più di altre hanno sempre dimostrato di anteporre gli interessi personale a quelli del Paese, l’assemblea di NOI SAMMARINESI esprime sincero rammarico per la decisione di Sinistra Unita di voler rimanere al governo con le forze politiche PSD e DDC, rinunciando così alla possibilità di aprire una nuova fase nella politica, sicuramente dirompente e innovativa, per seguire la strada più comoda e sicura tracciata sul solco degli schemi partitici e delle vecchie ideologie.

Una ferma critica verso l’azione politica del PSD che pur di non lasciare la scelta ai cittadini attraverso le elezioni, ha testardamente dimostrato di volere rimanere alla guida del Paese con un governo che nasce troppo debole numericamente sia per risolvere i gravissimi problemi sul tavolo, sia per poter compiere quelle scelte fondamentali che si stanno rinviando da tempo e che incidono sull’economia del Paese.

Abbiamo davanti una fase in cui il nascente governo potrà fare ben poco per non incorrere nel rischio di essere messo in minoranza in Consiglio Grande e Generale, una fase in cui la sola preoccupazione e frenetica attività sarà quella di preparare il terreno per le prossime elezioni.

L’assemblea di NOI SAMMARINESI ritiene i cittadini maturi, consapevoli e stanchi dei “giochini” dei politici; conferma pertanto che l’unica scelta responsabile da parte delle forze politiche è quella di sciogliere il Consiglio Grande e Generale per rimettere il mandato agli elettori con le elezioni anticipate.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy