Carisp San Marino – Delta. Mario Fantini comincia a difendersi

Il dr. Mario Fantini, già ai vertici di Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino e di Delta, per cominciare a difedersi, ha presentato una specifica documentazione – compresa la registrazione audio di un incontro con politici di San Marino – ai Sostituti Procuratori della Repubblica di Forlì, Fabio di Di Vizio e Marco Forte.

Lo ha detto in una intervista rilasciata ad Antonella Zaghini di La Voce di Romagna – San Marino.

In sostanza par di capire che tutto quello che è successo relativamente alla Carisp San Marino potrebbe essere derivato dalla controversia con il socio di Delta, Sopaf, a causa del rifiuto, da parte di Carisp, di liquidare la suddetta partecipazione Sopaf ad un prezzo non rispondente al reale valore di mercato.

Dice fra l’altro il dr. Fantini: ‘nei salotti buoni di Milano si era sparsa la voce che prima o poi sarebbero partite accuse di riciclaggio su Fantini e Delta. I guai iniziano davvero. Quando Delta decide l’aumento di capitale nascono le difficoltà all’interno di Sopaf. Parte l’esposto di
Guido Rossi. Viene fermato il
blindato con i soldi diretti da Forlì a San Marino . Intanto nel 2008 a San Marino cambia il governo. Per decenni avevo svolto il mio ruolo in autonomia dalla politica. L’esecutivo liquida, pubblicamente, la questione giudiziaria della banca come una faccenda privata. Ma non si possono ignorare gli incontri come quello di Palazzo Begni
‘, cui, a quanto pare, si riferisce la suddetta registrazione.

Registrazione che a questo punto diventa di una importanza dirompente in ambito sammarinese.

Conclude il dr. Fantini: ‘così, esprimendo piena fiducia nella magistratura e sicuro che la verità sarà provata, ho iniziato a produrre gli elementi per difendermi.

Leggi l’intervista a Mario Fantini

di Antonella Zaghini, La Voce di Romagna – San Marino

Leggi sugli incontri per Sopaf versione Gatti, Mularoni e altri Segretari di Stato, 13 maggio 2009

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy