Continua la protesta nelle fabbriche

La protesta nelle fabbriche continua. Altre tre manifestazioni sono in
programma nella prima settima di maggio. Ieri oltre 200 lavoratori della
Colombini di Rovereta hanno manifestato davanti all’azienda.

Salviamo il Paese, salviamo il lavoro: in due settimane la mobilitazione
promossa dalla Federazione Lavoratori industria della CSU ha coinvolto
centinaia di lavoratori delle principali industrie di San Marino.

 I nuovi appuntamenti sono concentrati nell’area industriale della
Ciarulla. Si parte lunedì 2 maggio con mezz’ora di stop (dalle 12 alle
12,30) dei dipendenti Hit Medica, mentre martedì 3 maggio doppia
manifestazione (dalle 17 ) dei lavoratori di Ala Cucine-Modular e
Camar. 

 “L’emergenza economica che sta attraversando il Paese –  sostengono i
segretari industria Enzo Merlini (CSdL) e Giorgio Felici (CDLS) –  sta
alimentando una profonda preoccupazione nel Paese. Il segnale che in
queste settimane i lavoratori dell’industria stanno lanciando è forte e
chiaro: dal tunnel della crisi si esce con un progetto di futuro basato
su trasparenza, legalità ed equità”.

E sul terreno cruciale dell’equità, i segretari FLI-CSU sono lapidari:
“Le proposte di riforma fiscale avanzate dal Governo seguono il solco
tracciato dalla Finanziaria di dicembre: il peso del debito pubblico è
scaricato sulle spalle dei lavoratori dipendenti, con misure fiscali che
tagliano le buste paga ma non colpiscono i grandi patrimoni e le aree
di evasione”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy