Crac a San Marino di Banca del Titano: truffatori

A quanto risulta da una indagine portata avanti dalla Guardia di Finanza nelle Marche, il crac della ex Banca del Titano (ora S.M. International Bank) sarebbe stato causato da truffatori marchigiani.

Il trucco era acquistare dalla banca titoli ‘zero coupon’ per la metà del prestito, che avrebbero coperto l’intero ammontare solo dopo 25 anni.
Milioni di euro – 10, secondo gli inquirenti – prelevati da Banca del Titano attraverso un vorticoso giro di assegni, che ha alimentato conti correnti italiani ed anche sammarinesi riconducibili al 52enne fabrianese Stefano Marangoni, residente a Senigallia.
Secondo le Fiamme Gialle era lui la mente dell’organizzazione, ma la frode non sarebbe stata possibile senza la complicità dell’ex direttore dell’Istituto Adriano Pace.
‘ (San Marino Rtv)

Si sta aprendo, dunque, uno squarcio sui misteri di Banca del Titano, in cui ha avuto un ruolo anche la Banca Centrale, quando fu assicurata l’immunità ai responsabili del crac.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy