Festa dell’Amicizia 2016. Seconda serata. Pdcs

FESTA
DELL’AMICIZIA – II SERATA

(comunicato
stampa)

Piazza
Bertoldi affollata nella seconda serata della
43a
Festa dell’Amicizia del Partito Democratico Cristiano Sammarinese
:
almeno 3500 persone, ieri sera, erano presenti a Serravalle per fare
festa insieme, cenare, ballare e partecipare al 2° dibattito
politico.

L’orchestra
Matteo Tarantino
ha fatto il pienone in
piazza e anche agli Orti Masi le band partecipanti all’
Amicizia
Live
hanno suonato ottima musica per i più
giovani.


La
terrazza dell’Ex-Ritrovo gremita di persone ha ospitato il
dibattito sul tema
“SAN
MARINO AI GIOVANI: restituiamo un Paese migliore di come lo abbiamo
ricevuto”
.

Gian
Carlo Venturini
ha
esordito evidenziando come, per i giovani,
il
lavoro rappresenti un elemento fondamentale per la dignità della
propria persona. «Per creare lavoro è importante favorire
l’attrazione di nuove imprese – ha sostenuto il Segretario agli
Affari Interni – attraverso la possibilità di operare con regole
chiare e credibilità a livello internazionale. In questi anni
abbiamo fatto tanto per ricreare queste condizioni, adeguandoci agli
standard internazionali, passando dalla procedura rafforzata al
riconoscimento della conformità, da parte di OCSE, Moneyval e GRECO,
per dare la certezza a chi vuole investire a San Marino». Il
Segretario ha evidenziato anche che per migliorare la condizione
delle imprese, è stata fatta anche la riforma del processo civile
che ha accelerato le procedure per risolvere i contenziosi. Rispetto
al settore pubblico, invece, Venturini ha fortemente sostenuto che
«tra le cose estremamente importanti fatte in questa legislatura c’è
stata l’approvazione, dopo 23 anni, del fabbisogno della Pubblica
Amministrazione che comporterà anche la riqualificazione della PA
attraverso nuove risorse, giovani, che potranno inserirsi con l’avvio
dei bandi di concorso». Una scelta mirata a premiare il merito e le
competenze, in controtendenza col passato.

Piena
condivisione delle riflessioni del collega di Governo da parte di
Teodoro Lonfernini che
nel proprio intervento ha sostenuto che «p
urtroppo,
nel passato abbiamo campato di rendita per diversi anni, invece di
mettere in campo strategie per dare stabilità e sicurezza al Paese.
In questi anni abbiamo cercato di cambiare la situazione, e i
risultati ci sono». Evidenziando che il mercato del lavoro
sammarinese, tra cui il turismo, ha creato certi spazi per i giovani,
Lonfernini ha invitato proprio i giovani a mettersi in gioco ed
impegnarsi per occupare quelle posizioni. Interrogato, poi, da
David
Oddone
,
moderatore della serata, su cosa ne pensasse dell’Europa di oggi,
Lonfernini ha aggiunto: «a me non piace questa Europa. Questo non
significa che non capisca e non comprenda il fatto che sia necessario
come Paese guardare ad uno scenario internazionale come questo. Però,
vedendo come tratta le questioni legate alle grande immigrazioni, ai
rapporti tra Paesi ‘dominanti e non’, direi che non mi piace
molto». Nonostante ciò, Lonfernini ha evidenziato come il percorso
di Associazione all’Unione Europea, avviato dal nostro Paese, è
stato condiviso, e deve continuare, per consentire a San Marino di
recuperare fino in fondo la propria credibilità internazionale,
senza la quale si sono vissute grandi difficoltà in passato. «Oggi
possiamo fare le cose al meglio – ha concluso il Segretario al
Turismo -. Questo non significa accettare tutto quello che l’UE ci
chiederà, ma associarsi mantenendo le nostre peculiarità».


Anche
Emanuel Colombini,
imprenditore sammarinese ed Ex-Presidente ANIS ha iniziato
concordando sul valore di ciò che è stato fatto a livello
internazionale, considerando che «l’aspetto reputazionale di un
Paese è un po’ il pavimento su cui costruire tutto il resto.
Quello che è stato fatto in questi anni è quello zoccolo duro su
cui oggi si può costruire». Analizzando la situazione sammarinese e
romagnola, Colombini non ha nascosto, però, le sue perplessità
sulla capacità di San Marino di riassorbire le attuali richieste di
lavoro. «Credo che il mercato del lavoro vada riposizionato – ha
aggiunto – perché c’è un forte gap tra i percorsi formativi e la
domanda di certe tipologie di lavoro». Dopo avere affermato il
valore attrattivo della Legge sviluppo, che offre la possibilità di
risiedere non solo all’imprenditore che investe ma anche alla sua
famiglia, Colombini ha affermato l’importanza di un investimento
come il Parco Scientifico Tecnologico,
«se
aperto a start up veramente innovative e a
imprenditori
illuminati in settori come la digital economy e l’e-commerce.
Pensare che, a San Marino, da 0 realtà oggi sono 30 imprese start up
e possano diventare 100, credo non sia poca cosa». Un terzo elemento
importante, proposto dal giovane imprenditore riguarda il settore
immobiliare, da aprire agli investitori esteri, magari con rapporti
già consolidati con San Marino, come volano per rimettere in moto
diverse imprese, in vari settori. «
Si
sono create le basi perché qualche anno fa eravamo in una situazione
di emergenza – ha concluso Colombini -. Il pareggio di bilancio e un
percorso che abbia l’obiettivo di mettere in sicurezza il sistema
bancario sono le precondizioni per uscire dalla crisi. Adesso è il
turno del progetto Paese, un po’ più a medio termine. Oggi un
imprenditore si aspetta di sentire questi argomenti».

Riccardo
Stefanelli
, della CDLS,
ha sottolineato come
l’ingresso
nella White List non abbia dato i risultati a causa della crisi
internazionale che ha inciso sulle politiche dei Paesi creando
recessione e disoccupazione. «Noi siamo ancora dentro queste
dinamiche di crisi. Il nostro sistema economico non è vero che non
produca lavoro. 21000 lavoratori su 33000 abitanti sono una
percentuale molto al di sopra della media europea. I 1400
disoccupati, sono dovuto alla mancanza di un raccordo tra domanda ed
offerta di lavoro».
Tra
tutte le cose fatte in questi 4 anni, anche Stefanelli si è
concentrato su due risultati da lui considerati i più importanti
della legislatura: «io credo che la legge di Riforma Tributaria sia
stata una delle norme più importanti fatte in questa legislatura.
L’altra la riforma della Pubblica Amministrazione. Un lavoro
difficilissimo, durato anni, in cui l’ostacolo principale è stato
proprio convincere tutti che, dopo 30 anni di insuccessi, si sarebbe
potuti arrivare fino in fondo. Noi come sindacato abbiamo spinto
molto». Interpellato dal moderatore sul valore dei partiti per la
società odierna, Stefanelli ha concluso dicendo che
«i
sindacati, le associazioni, i partiti, sono quei corpi intermedi che
anche la Dottrina Sociale ritiene fondamentali per impegnare i propri
valori e difendere gli interessi legittimi dei cittadini. Io credo
ancora debbano avere il proprio ruolo, tanto più in un contesto
individualista in cui la capacità aggregativa è diminuita, e dove
l’individuo isolato è più soggetto al potere ed è sempre meno
tutelato».

Ad
Alessandro Cardelli,
Consigliere DC e membro del Movimento Giovanile Democristiano, è
toccata la domanda sulle prossime elezioni.

«Perché un giovane dovrebbe votare la DC? Io sono un giovane di
parte. Appena compiuto 18 anni avevo già la passione per la politica
e mi sono buttato nella DC per gli ideali della DC e per il partito
che è». Il giovane Cardelli ha evidenziato, però, come la domanda
giusta dovrebbe essere non ‘perché un giovane debba votare la DC,
ma perché debba impegnarsi nella DC’, diventando protagonista
della politica. Sottolineando come la DC sia l’unico Partito ad
avere ancora un movimento giovanile vivace, il giovane consigliere ha
rilanciato la domanda ai giovani presenti al dibattito. «V
otare
la DC ed avvicinarsi alla DC – ha proseguito Cardelli – perché è
un Partito che vuole dare soluzioni, vuole essere propositivo. I
movimenti in questi 4 anni di Consiglio hanno fatto pochissime
proposte. La DC, invece, si è rinnovata tanto in questi anni e credo
debba continuare questo percorso di rinnovamento». Dunque, per il
giovane DC sono due gli ingredienti fondamentali per presentarsi bene
alle prossime elezioni come Partito: rinnovamento continuo e
mostrarsi alla cittadinanza non come forza politica che fa promesse,
ma che fa concretamente le cose che dice.

Per
chi desiderasse vedere il video integrale della serata, può visitare
il sito
www.pdcs.sm,
in cui troverete anche tutte le foto della II serata della Festa
dell’amicizia, il canale di Youtube del PDCS
www.youtube.com/pdcs1948
o la pagina Facebook
www.facebook.com/PDCS.SanMarino

Questa
sera, sabato 20 agosto, alle ore 21.00, la Festa dell’Amicizia
vedrà il confronto politico sul tema
IDEARE
E FARE: concretezza e coesione per rispondere alle urgenze del Paese
.

I
r
elatori Marco
Arzilli,
Luca
Beccari, Denise Bronzetti, Gerardo Giovagnoli, Alessandro Mancini
saranno
moderati da Davide
Giardi
de
La Tribuna
.

La
serata sarà trasmessa in diretta sulla pagina Facebook
www.facebook.com/PDCS.SanMarino

Domani
sera, 21 agosto, sarà il
Segretario
Politico del PDCS Marco Gatti

a proporre al popolo dell’Amicizia la sintesi politica,
intervenendo alle ore 21.00, in piazza Bertoldi.


Come
da programma folkloristico, questa sera, in piazza Bertoldi alle ore
21.00, ci sarà la musica di
Omar Codazzi e la
sua orchestra.

Agli
Orti Masi, alle 18.30 si terrà il
Torneo Lego
in collaborazione con
Mattoncinifamosi,
alle 19.30
serata argentina con asado, alle
20.00 spettacolo bimbi con il
clown Filippo
Popowskji
. Dalle 21.30 la musica di Dj
Yuma & Claudio Mazza
.

Per
tutta la durata della Festa, come sempre, troverete stand espositivi,
ruota della fortuna e
animazione per i vostri
bambini
con zucchero filato, palloncini
trucca bimbi e il castello gonfiabile.

Anche
quest’anno domenica mattina, in piazza Bertoldi, alle ore 9.00,
prenderà il via la
13° Podistica
dell’Amicizia
, su un percorso di 15 Km, che
vede iscritti più di 300 partecipanti.

Continua
la vendita dei biglietti della
Lotteria
dell’Amicizia
, che si concluderà domani
sera con l’estrazione dei numeri vincenti e che, anche quest’anno
mette in palio un’auto Fiat 500 1.2 Pop e altri numerosi premi.

Siete
tutti invitati!!

L’ufficio stampa del PDCS

San
Marino, 20 agosto 2016

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy