Filippo Volandri e Flavio Cipolla in semifinale

SAN MARINO CEPU OPEN

Filippo Volandri e Flavio Cipolla in semifinale, piegando al tie break del 3° set rispettivamente lo spagnolo Montanes (n.2 del tabellone) e il serbo Bozoljac.

Al Villaggio la 23enne Francesca Palma eletta Miss Internazionali di tennis

Filippo Volandri e Flavio Cipolla staccano il biglietto per le semifinali del “San Marino Cepu Open”, challenger Atp (100.000 dollari di montepremi + ospitalità) avviato verso le battute conclusive sui campi del Centro Tennis di Montecchio.

Il tennista livornese, che compirà 27 anni il 5 settembre, ha confermato che l’aria del Titano gli fa bene: dopo aver eliminato l’iberico Oscar Hernandez, ottava testa di serie, l’allievo di Fabrizio Fanucci (sceso al n.138 in una stagione costellata da guai fisici, in primis al ginocchio) si è ripetuto catturando uno “scalpo” eccellente come quello dell’altro spagnolo Albert Montanes, seconda forza del tabellone (52° nel ranking mondiale dopo il trionfo di domenica ad Amersfoort, suo primo titolo Atp Tour in carriera). Volandri è partito subito forte, aggiudicandosi il primo set per 6-2, poi però ha dovuto subire il ritorno del 27enne di Sant Carles de la Rapita, specialista del rosso (nel 2008 ha raggiunto i quarti al Masters Series di Amburgo e nei tornei di Stoccarda e Barcellona), che grazie a un break nel game di apertura riusciva a pareggiare il conto dei set (6-3). Copione analogo nella frazione conclusiva, stavolta in favore di “Filo”, che si portava così 2-0 e poi anche 4-1 strappando di nuovo il servizio allo spagnolo, impostosi giovedì sera sullo slovacco Hrbaty in una sfida fra ex vincitori sul Titano, il quale rimontava comunque sino a portarsi 5-4 in suo favore. Equilibrio che si protraeva sino al 6-6, poi nel tie break da 0-2 Volandri si portava avanti sino a chiudere sul 7-5.

Palpitante e ricco di emozioni anche il confronto di apertura del programma sul Centrale, dove il 24enne romano, attualmente n.133 della classifica mondiale, ha superato il serbo Ilia Bozoljac, guadagnandosi il diritto di affrontare il vincente fra Potito Starace e l’argentino Carlos Berlocq. Cipolla, variando il ritmo e utilizzando saggiamente la smorzata, ha fatto suo il primo set per 6-3 (break al 5°), nel secondo però il 23enne che vive a Belgrado, giocatore bimane in entrambi i fondamentali, ritrovava precisione e lucidità, strappando subito il servizio al capitolino per poi chiudere 6-2 la frazione. Cipolla, seguito in tribuna dal papà-coach Quirino, era comunque in grado di issarsi 3-0 e poi 4-2, grazie anche ai tanti errori dell’avversario. Il quale, sul 5-2 per il romano, aggrappandosi alla battuta potente riusciva a cancellare tre match point (in uno facendo ace con la seconda di servizio), per poi riportarsi sul 5-5. La decisione era quindi affidata al tie break decisivo, nel quale era Bozoljac a salire sul 6-4, ma prima una volee di rovescio in rete e poi una scriteriata scelta di fermare la palla chiamandola out erroneamente, rilanciavano Cipolla, che poi piazzava un passante lungo linea di diritto e alzava il pugno al cielo grazie a un rovescio affossato dal serbo dopo oltre due ore e mezza di gioco.

“E’ stata davvero una partita rocambolesca – ammette a caldo il tennista romano – e sono molto contento di essere riuscito a spuntarla, grazie anche all’aiuto del pubblico. Avevo praticamente vinto, poi lui si è inventato un ace di seconda arrivando poi a sua volta a un punto dal successo. Del resto, il tennis è così. Bozoljac comunque è un giocatore difficile da affrontare perché serve molto bene e ha un buonissimo rovescio, mentre con il dritto concede di più. Per questo cercavo di variare il più possibile il ritmo, facendolo spostare: ci sono riuscito meglio nel primo set, nel secondo lui ha preso fiducia dopo avermi brekkato. Sono soddisfatto del mio torneo, visto che ho sconfitto tre giocatori forti”.

Per favorire l’accesso del pubblico, anche tenendo conto delle esigenze televisive (il palinsesto Rai prevede per sabato 26 luglio sul canale satellitare Sport Più la sintesi delle due semifinali di singolare dalle ore 22 alle 23.30, con commento dell’inviato Pino Cerboni), gli organizzatori hanno programmato le due semifinali per le ore 17 e le ore 20.

Intanto si è qualificato per la finale di doppio Fabio Colangelo, che in coppia con il tedesco Marx ha piegato 7-5 7-5 i due argentini Dabul-Roitman.

Per quanto riguarda le iniziative collaterali al Villaggio Ospitalità, giovedì sera è stata eletta Miss Internazionali di tennis 2008: la nuova bellezza del “San Marino Cepu Open” è la sammarinese Francesca Palma, 23 anni, che ha sbaragliato la concorrenza in questa manifestazione inserita nel circuito “Miss Alpe Adria International”.

SAN MARINO CEPU OPEN, RISULTATI

Singolare, quarti: Flavio Cipolla (Ita) b. Ilia Bozoljac (Ser) 6-3 2-6 7-6 (6),

Filippo Volandri (Ita) b. Albert Montanes (Spa,2) 6-2 3-6 7-6 (5).

Doppio, semifinali: Colangelo/Marx (Ita-Ger) b. Dabul/Roitman (Arg) 7-5 7-5.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy