Firmato a San Marino dai rappresentanti sindacali il contratto bar alberghi ristoranti


Siglato questa mattina dalla FULCAS-CSU e dalle associazioni imprenditoriali OSLA e USOT il pre-accordo relativo al rinnovo del contratto bar-ristoranti e alberghi. Il rinnovo copre il triennio 2008-2010.


I presupposti per una positiva definizione del contratto di lavoro che regolamenta il settore dei bar, alberghi e ristoranti (e relativi allegati contrattuali) c’erano tutti: l’ultimo incontro – svoltosi nella mattinata di oggi presso la sede dell’OSLA, in un clima sereno e costruttivo – è servito per trovare la definitiva intesa anche sulla parte economica.


Il preaccordo siglato stamane dalla FULCAS-CSU, dall’OSLA e dall’USOT, che dovrà essere sottoposto a ratifica da parte delle assemblee dei lavoratori che verranno convocate nei prossimi giorni, prevede alcuni aspetti normativi di rilevante importanza ed una dinamica di aumenti che tutela i salari e gli stipendi dalla spirale inflazionistica.


“Un obiettivo prioritario di questo rinnovo – interviene il Segretario della FULSAC CSdL Isabella Stefanelli – era il definitivo superamento dell’automatismo dell’MPR (Meccanismo di Programmazione delle Retribuzioni), una sorta di “scala mobile” sammarinese che ha dimostrato nel tempo i suoi limiti e che ormai era applicata solamente in questo contratto di lavoro. Abbiamo concordato per il prossimo triennio aumenti percentuali pari al 3,40% per il 2008, al 3,50% per il 2009 e al 3,75% per il 2010; il 2008 ed il 2009 prevedono percentuali pari a quelle concordate nel recente rinnovo della parte economica del Contratto del Commercio e Commercio Turistico.”


“Un aspetto da evidenziare – interviene il Segretario della FCS CDSL Gianluigi Giardinieri – è che questo importante rinnovo (che interessa oltre 300 lavoratori con punte stagionali fino a quasi 400) si colloca in un contesto in cui, per incapacità decisionale dei Governi che si sono succeduti, è mancato un piano strategico di rilancio del turismo e si è evidenziato un progressivo calo del turismo non ‘di passaggio’. Dal tavolo della trattativa è emersa la comune volontà di attivarsi con il nuovo Esecutivo che scaturirà dalla consultazione elettorale, per promuovere un serio e concreto piano di rilancio del settore alberghiero e turistico.”

“Nei prossimi giorni saranno convocate le assemblee con i dipendenti – prosegue Isabella Stefanelli – e sarà anche l’occasione preziosa per valutare assieme i risultati conseguiti e le iniziative da intraprendere a difesa dell’occupazione di questo strategico settore. A breve inizierà il confronto per il rinnovo del contratto integrativo relativo agli 85 dipendenti della CAMST – Mense. Anche per questa trattativa si auspica di mantenere il clima positivo e sereno che ha caratterizzato il rinnovo del contratto generale.”


“Tra gli aspetti normativi – conclude Gianluigi Giardinieri – è opportuno ricordare l’impegno sottoscritto per permettere l’accesso alla “Cassa Integrazione Guadagni” anche dei dipendenti del settore bar/albeghi/ristoranti. Per rendere esecutivo questa parte dell’accordo sarà necessario attendere il nuovo Governo con il quale riprenderà immediatamente il confronto sugli ammortizzatori sociali.”

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy