Frontalieri di San Marino. Lo sfogo di uno

David Oddone di L’Informazione di San Marino ha raccolto lo sfogo di uno degli oltre 6 mila frontalieri: L’Intervista della Domenica – Norma razzista: “A rimetterci di più sono gli imprenditori” / “Conflitto sociale già in atto”

A parte qualche caso, dove i titolari d’azienda sono molto legati al politico di turno, le posso assicurare che sono ancora più incazzati di noi se possibile. Ovviamente gli industriali sanno fare i propri conti e si sono immediatamente resi conto che la decisione del governo di introdurre la norma razzista è una vera e propria bomba ad orologeria, capace di spazzare via il lavoro di una vita. Se a questo ci aggiunge le black list varie e l’incapacità di dialogare con Roma da parte dei politici sammarinesi, capirà come vi sia in atto un fuggi-fuggi generale dal Titano. Se prima questo era il paradiso, negli ultimi due anni tutto è andato a scatafascio.

Io per esempio sto mandando numerosi curriculum in Italia e come me molti altri. Si cerca di trovare un concorso, un modo per andarsene via. E’ chiaro che il Paese in queste condizioni non ha futuro e come si dice, quando la nave affonda i topi l’abbandonano. E noi siamo in questo momento trattati peggio di sorci. E pensare che molti di noi sono qui da anni, impegnati a portare benessere a San Marino. Il Paese si è arricchito, molto spesso alle spalle dei frontalieri, e questo è il ringraziamento.

Ma i geni a Palazzo così facendo non fanno un dispetto a noi o a Tremonti, ma a se stessi.

E quando i sammarinesi lo capiranno, altro che le uova tireranno a palazzo. Noi possiamo tornare in Italia, ma voi sto Paese ve lo dovete tenere”. 

Previsioni meteo di N. Montebelli  

Vignette
di Ranfo

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy