Gestione dei giochi: nuovi attacchi al governo in Consiglio

Il Governo si sottrae a un dibattito in Consiglio sull’assegnazione dei giochi non consentendo che venga inserito un comma specifico. Tuttavia di giochi si parla ugualmente nel comma comunicazioni (che non prevede la diretta radio).

A sollevare il caso è Claudio Podeschi, della Democrazia Cristiana, che riferisce al Consiglio:

– la Cogetech (la società prima assegnataria dei giochi a Rovereta) è in mano per la massima parte al consorzio Cogemat, composto da un gruppo di gestori di macchine automatiche da trattenimento (in violazione della legge approvata da questo governo nel dicembre 2006);

– in particolare nella Cogemat ci sono due aziende significative, Emporio Games e Win-Tek, che producono appunto macchine per il gioco;

– la Cogetech è in una situazione economica tutt’altro che brillante;

– l’Ingegner Francesco Gatti, chiamato dal Governo a far parte del Consiglio Direttivo dell’Ente di Stato dei Giochi, è titolare di una società, la Bakoo, che opera nel settore delle macchinette per il gioco.

A Podeschi, sul caso Gatti, ha risposto Alessandro Rossi, Capogruppo di Sinistra Unita: L’ingegner Francesco Gatti lo abbiamo indicato noi, dopo una ricerca approfondita per individuare competenze specifiche. Il suo curriculum è di tutto rispetto e sulla scheda consegnata a tutte le forze politiche c’erano indicate tutte le informazioni che lo riguardavano, compresa la sua partecipazione nella società che produce schede per le macchinette da gioco e tutto quello che Podeschi ha indicato. Rigettiamo con forza tutto quello che si è voluto paventare nei suoi confronti.

Clicca Casinò Ottocento per un caso storico.

Clicca GIOCHI SAN MARINO per sapere sulla questione.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy