‘Giù le mani dalla Carisp San Marino’, Mularoni (Ddc)

Pier Marino Mularoni (coalizione Riforme e Libertà, minoranza in Consiglio Grande e Generale ) invita i Segretari di Stato Antonella Mularoni e Gabriele Gatti a non mettere le mani sulla Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino, finita nel ciclone dell’indagine Varano.

“Giu’ le mani dalla Cassa di
Risparmio”. Non vuole sentire parlare di ingerenze politiche
nella nomina del nuovo presidente, dopo le dimissioni di Gilberto
Ghiotti, il consigliere dei Democratici di centro, Pier Marino
Mularoni. Che critica il governo per l’incontro avuto questa
mattina proprio con il direttivo dell’istituto di credito
sammarinese. Ancora una volta, stigmatizza, e’ stata ribadita la
“gestione in tandem” della vicenda Crrsm, da parte dei segretari
di Stato Gabriele Gatti (Finanze) e Antonella Mularoni (Esteri).
“Andare oltre a una sollecitazione agli organismi competenti
per la nomina sarebbe una grave forzatura”, spiega l’ex
segretario di Stato al Lavoro, sottolineando come l’opposizione
non abbia avanzato alcun nome per la carica di presidente della
Crrsm, al centro della riunione in corso del cda della Fondazione
San Marino Cassa di Risparmio Sums. “Vigileremo- aggiunge-
affinche’ la politica non approfitti di questa fase di
disorientamento per mettere le mani” sul piu’ importante istituto
di credito sammarinese. E anche di questo si parlera’ nella
riunione di oggi del direttivo della coalizione Riforme e Libertà.

Governo
e
maggioranza
conclude Mularoni, dovrebbero
piuttosto “aprire un confronto allargato per superare la crisi e
fare capire meglio lo stato dei rapporti con l’Italia. Invece
tutto viene fatto al buio”.
(Agenzia Dire)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy