Gruppo tecnico per l’adozione dei principi UNIDROIT

Il Segretario di Stato per gli Affari Esteri, gli Affari Politici e la Programmazione Economica , Fiorenzo Stolfi, ha riferito lunedì al Congresso dI Stato in merito all’opportunità di ratificare la Convenzione della Nazioni Unite sui contratti internazionali e di adottare contestualmente i principi UNIDROIT- International Institute for the Unification of Private Law.


I contratti internazionali concernono rapporti commerciali che coinvolgono ordinamenti giuridici di Stati diversi, in molti casi anche completamente dissimili tra loro.

Si ispirano ai principi dell’UNIDROIT, tesi a determinare una normativa comune applicabile a questa tipologia di contratto, e consentono di risolvere già nella fase di negoziazione qualsiasi controversia futura prevedendo un procedimento di risoluzione detto “clausola arbitrale”. Tale istituto fonda le sue radici nella Convenzione di New York del 1958, che ha avviato una fase di istituzionalizzazione dell’arbitro internazionale negli ordinamenti degli Stati aderenti alla convezione.
L’UNIDROIT, è un’organizzazione internazionale indipendente. Nel 1994 ha pubblicato una serie di principi che costituiscono un esperimento di codificazione di un emergente regime giuridico sovranazionale delle transazioni internazionali.


Il Congresso di Stato, considerata la necessità di fare le opportune valutazioni sulle conseguenze e gli effetti che la ratifica della Convenzione e il recepimento dei principi Unidroit può comportare nel nostro ordinamento, ha nominato un Gruppo di lavoro tecnico che avrà il compito di studiare ed approfondire la questione.
Il Gruppo è composto da:

– un rappresentante della Segreteria di Stato per gli Affari Esteri;

– un rappresentante della Segreteria di Stato alla Giustizia;

– un Legale dell’Avvocatura dello Stato;

– un Magistrato del Tribunale Unico;

– un rappresentante dell’Istituto Giuridico ;

– un Avvocato designato dall’Ordine degli Avvocati e Notati.
Dovrà redigere una dettagliata relazione, da sottoporre alla valutazione del Congresso di Stato entro il 31 dicembre 2007.

San Marino, 11 settembre 2007

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy