I furbissimi di San Marino ed i cretini

La Repubblica di San Marino è al minimo come credibilità. La speranza di un cambiamento col varo del nuovo governo uscito dalle elezioni del 9 novembre certamente ha avuto un colpo durissimo con la questione del consolato di Rimini per la vicenda Toniolo-Miraggio.

Il che non può che ripercuotersi sulla trattativa ancora aperta perché ancora rivela come sono precipitati il buon nome di San Marino ed anche la qualità dei politici.

I politici che nel novembre 2005 furono lì lì per firmare un accordo che riduceva San Marino a un lembo dello Stato italiano, stanno ora per firmare – c’è motivo per non sospettarlo? – un qualcosa di sostanzialmente simile. Per racimolare la maggioranza in Consiglio essi vanno promettendo – i furbissimi – che ciascuno dei 72 soggetti finanziari sammarinesi (a tanti si è arrivati fra banche, fiduciarie, eccetera, nonostante Re Nero, Varano, Lucignano, Alì Babà, eccetera) avrà a disposizione in ogni piazza d’Italia un banchetto per vendere polizze, fondi, trust, hedge funds,…. In barba, ovviamente, ai governanti romani, cornuti e mazziati.

Vedi articolo di Marino Cecchetti pubblicato anche su L’Informazione di San Marino.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy