“Il clan mafioso Di Muro-Delli Gatti aveva un canale privilegiato di approvvigionamento delle armi a San Marino”

Una “costante disponibilità di armi” da parte del clan Di Muro-Delli Gatti, rifornito tramite “un canale privilegiato di approvvigionamento nella Repubblica di San Marino”.

È quanto emerge da un’inchiesta della Procura distrettuale antimafia di Potenza sul clan Di Muro-Delli Gatti.

Sono state eseguite questa mattina 16 misure cautelari, di cui 11 in carcere, tre ai domiciliari e due obblighi di presentazione alla Polizia giudiziaria, dalla Polizia e dai Carabinieri nel Vulture-Melfese, in provincia di Potenza, al termine di indagini sul clan Di Muro-Delli Gatti, ritenuto mafioso, con accuse anche di estorsione ai danni dei partecipanti alla tradizionale “Sagra della Varola”, che si svolse a Melfi (Potenza) nel 2019.

L’inchiesta, tra le altre cose, ha accertato anche estorsioni ai danni di diversi imprenditori, sempre per ottenere denaro o anche “assistenza alimentare ai sodali” nonché per dissuadere la vedova di un uomo ucciso dal costituirsi parte civile contro il presunto killer.

Le altre accuse per gli indagati sono, a vario titolo, associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa, possesso e detenzione illegale di arma da fuoco, tentata rapina e calunnia.
In particolare, espositori e titolari di stand della sagra melfitana furono minacciati per ottenere “contributi economici per i sodali del clan detenuti”: in una circostanza, per giustificare l’offerta di “protezione”, fu fatto “espresso riferimento alla loro condizione di mafiosi”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy