Interpellanza Libera su dati attività economiche alla luce del decreto ristori

Il Gruppo Consigliare di Libera

 

Visto l’articolo 88 della Legge 23 dicembre 2020 n.223;

Vista la deliberazione del Congresso di Stato n.20 adottata nella seduta del 1° marzo 2021;

Visti l’articolo 5, comma 3, della Legge Costituzionale n.185/2005 e gli articoli 8 e 10, comma 2,

della Legge Qualificata n.186/2005;

Visto il Decreto Delegato 4 Marzo 2022 n.49;

Viste le difficoltà economiche delle attività economiche per via della pandemia che richiedono interventi tempestivi ed efficaci;

Viste le dichiarazioni delle categorie economiche che richiedono ulteriori azioni a supporto delle imprese;

Vista l’esigenza di conoscere l’esborso economico previsto dall’Esecutivo, essendo risorse pubbliche che vanno spese con particolare oculatezza, per il così detto “Decreto Ristori”;

 

Interpella il Governo per conoscere:

 

-quanti sono gli operatori economici, suddivisi per settore, il cui ammontare del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 ha subìto una riduzione pari o superiore al 30,01% fino ad un massimo del 35% rispetto al fatturato e ai corrispettivi dell’anno 2019;

– quanti sono gli operatori economici, suddivisi per settore, il cui ammontare del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 ha subìto una riduzione pari o superiore al 35,01% fino ad un massimo del 40% rispetto al fatturato e ai corrispettivi dell’anno 2019;

– quanti sono gli operatori economici, suddivisi per settore, il cui ammontare del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 ha subìto una riduzione pari o superiore al 40,01% fino ad un massimo del 45% rispetto al fatturato e ai corrispettivi dell’anno 2019;

– quanti sono gli operatori economici, suddivisi per settore, il cui ammontare del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 ha subìto una riduzione pari o superiore al 45,01% fino ad un massimo del 50% rispetto al fatturato e ai corrispettivi dell’anno 2019;

– quanti sono gli operatori economici, suddivisi per settore, il cui ammontare del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 ha subìto una riduzione pari o superiore al 50,01% fino ad un massimo del 55% rispetto al fatturato e ai corrispettivi dell’anno 2019;

– quanti sono gli operatori economici, suddivisi per settore, il cui ammontare del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 ha subìto una riduzione pari o superiore al 55,01% fino ad un massimo del 70% rispetto al fatturato e ai corrispettivi dell’anno 2019;

– quanti sono gli operatori economici, suddivisi per settore, il cui ammontare del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 ha subìto una riduzione superiore al 70% fino ad un massimo del 35% rispetto al fatturato e ai corrispettivi dell’anno 2019;

-quante siano le attività, divise per settore e scaglione, che potenzialmente potrebbero richiedere il contributo a fondo perduto così come disciplinato all’art.6 comma 3 e 4 (Allegato B) del Decreto Delegato 49/2021;

-quante siano, divise per scaglioni, le strutture alberghiere che rientrano nelle fattispecie di cui all’allegato C del Decreto Delegato 49/2021;

-quale sia l’ammontare di spesa *preventivato* per gli interventi per le strutture alberghiere disciplinati all’Art 7 del Decreto Delegato 49/2021;

-quanto sia la spesa complessiva preventivata, per gli interventi previsti dal Decreto Delegato 49/2021;

-a quanto ammonta il fondo della cassa ammortizzatori sociali ed, in particolare, quante risorse siano state utilizzate dall’entrata in vigore del decreto 51/2020 ad oggi per la cassa integrazione guadagni straordinaria per il Covid-19;

-a quanto ammonta, ad oggi, il fondo della cassa compensazione;

-se siano previsti ulteriori interventi a sostegno delle attività economiche;

-se si ritenga opportuno favorire interventi volti al sostegno dell’occupazione alla luce dei 300 posti di lavoro persi nell’ultimo anno.

 

Libera 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy