La Dc sulla proposta di un ‘governo di responsabilità’ messo a punto dal Psd

La proposta del Psd presentata oggi durante l’incontro di consultazione, è stata ampiamente approfondita negli organismi del Pdcs e giudicata sicuramente interessante.
Il Pdcs non si sottrae dal dare il proprio contributo alle esigenze del Paese di avere un governo che sappia in primo luogo favorire la formazione di coalizioni prima delle prossime elezioni politiche e nello stesso tempo di dare alcune risposte ai problemi urgenti che richiedono interventi immediati (politica estera- normalizzazione del settore finanziario e creditizio-riforma previdenziale- sviluppo economico- elaborazione della finanziaria
-reddito familiare-credibilità della politica).
Il Psd, nell’ultima fase del suo mandato, ha posto le basi per creare le condizioni per la formazione di un governo che sappia rispondere alle esigenze del Paese con un richiamo ad un azione di corresponsabilità.
Oggi il Pdcs, maggiore forza di opposizione, pur considerando tale proposta di coinvolgimento sicuramente utile per giungere a risolvere il problema della governabilità, vista la difficoltà della situazione politica, ritiene di doversi candidare ad avere il mandato
per realizzare un governo di responsabilità e di larga partecipazione democratica.
Questa posizione, che potrebbe essere interpretata come scelta di parte e non rispettosa della proposta del Psd, trae le sue ragioni dall’esigenza di una proposta in grado di essere credibile e nello stesso tempo in sintonia con il percorso politico che nelle ultime settimane ha visto coinvolto il Pdcs con altre forze politiche.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy