L’Associazione Consumatori Asdico (Cdls) parla di sentenze favorevoli sul Crack Swiss-Air

Avevamo ragione
Crack Swiss-Air: pubblicate le prime sentenze che hanno accolto le istanze avanzate dai risparmiatori coinvolti. Grande soddisfazione dell’ASDICO e del Comitato Swiss-Air.

San Marino, 31 Luglio 2008

Dura lex sed lex: ovvero un po’ di luce sul “buco nero” Swiss-Air.
Finalmente sono arrivate le prime sentenze riguardanti le cause civili – promosse nel lontano 2003 – da alcuni dei risparmiatori che avevano visto andare in fumo i loro risparmi a seguito del noto “crack Swiss-Air”. Come ormai ben noto, nei primi mesi del 2001 molti risparmiatori sammarinesi e forensi – in buona fede – avevano ritenuto di acquistare titoli tipici del Credit Swiss mentre in realtà si trattava di uno strumento finanziario ben più complesso e totalmente differente nella natura, nella qualità e nella sostanza.

“Il grande valore delle sentenze recentemente emesse – interviene Augusto GATTI Presidente dell’ASDICO – assume per la nostra Associazione una rilevanza ancor maggiore: sia per i principi esposti che vanno nella direzione di una sempre maggiore trasparenza e informazione a tutela dei risparmiatori, ma soprattutto perché l’ASDICO – sin dal 2004 – si è schierata senza indugi a fianco delle persone interessate, attivando tutte le possibili iniziative pubbliche.”

“Vorrei ricordare – continua il Presidente dell’ASDICO – la costituzione del “Comitato Swiss-Air” avvenuta nel Dicembre 2004, le manifestazioni pubbliche davanti alle filiali della Cassa di Risparmio di San Marino e sul “Pianello” durante una riunione del Consiglio Grande e Generale. Le decine di riunioni del “Comitato Swiss-Air” e le innumerevoli denuncie pubbliche avvenute mediante gli organi di informazione ed il “silenzio assordante” con cui la Banca ha replicato alle giuste istanze dei suoi Clienti. Anzi, veramente in una occasione la Cassa di Risparmio si è fatta viva: inviando al Comitato Swiss-Air ed all’ASDICO una lettera di diffida. Cioè si diffidava il Comitato Swiss-Air ad usare nella propria denominazione la dicitura “Cassa di Risparmio della RSM”, come se quei titoli fossero stati acquistati da chissà quale altra Banca !!”

“Vorrei anche ricordare, con un po’ di triste rammarico – continua Augusto GATTI – gli innumerevoli tentativi, tutti falliti non per nostra volontà, di avviare un tavolo di confronto con i vertici della Banca, per addivenire ad un accordo stragiudiziale. Chiusura totale anche da parte degli esponenti dei Governi che si sono succeduti in questi anni. Anche il Consiglio Grande e Generale, bocciando l’istanza d’arengo promossa dall’ASDICO nell’Ottobre 2006, ha dimostrato di non ritenere meritorie di attenzione le istanze di tantissimi cittadini.”

“Attendiamo di leggere il dispositivo delle sentenze emesse, per valutare nel dettaglio quanto espresso dal Giudice – conclude il Presidente dell’Assoconsumatori della CDLS – sarà nostra cura ritornare a breve su questo argomento per ulteriori commenti. Nel frattempo, il 21 Luglio scorso è partita una segnalazione cumulativa di ben 27 risparmiatori coinvolti nel crack Swiss-Air ed indirizzata alla Divisione Vigilanza della Banca Centrale. In tale segnalazione si chiede di far luce su quanto accaduto dal 2001 ad oggi e soprattutto se sono state puntualmente rispettate tutte le norme, circolari e leggi a tutela dei risparmiatori. Qualora le stesse non siano state rispettate, nelle lettere inviate a Banca Centrale si richiede di dichiarare nulli i contratti sottoscritti, ordinando alla Banca la restituzione delle somme a suo tempo investite, con interessi e rivalutazione.”

I 70 aderenti al “Comitato clienti della Cassa di Risparmio della RSM possessori di titoli e strumenti finanziari SAIRGROUP – SWISS AIR – EIRLES (Mediobanca)” attendono fiduciosi gli sviluppi della situazione e si riconvocheranno a breve in una apposita assemblea per valutare le nuove iniziative da intraprendere.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy