L’Informazione di San Marino, Marino Cecchetti: soldi pubblici e aiuti alle banche

L’Informazione di San Marino

Soldi pubblici e aiuti alle banche

Marino Cecchetti

Siamo in tempi di gravi
ristrettezze.

E’ necessario fornire la  
massima  informazione  su come vengono spesi i soldi pubblici. La
politica deve recuperare da subito  credibilità. Altrimenti il voto dell’11
novembre
  potrebbe tradursi in  una pura 
e  inutile  occasione di  protesta. 

Partiamo dal  settore bancario.

Sulle erogazioni – in pratica a
fondo perduto? – di soldi presi dal bilancio dello Stato,  a favore 
di  San
Marino  International Bank
(ex Banca
del Titano
),  Credito
Sammarinese
e Banca Commerciale,
i vertici di Banca
Centrale della Repubblica di San Marino
 continuano a tacere.
Benché le erogazioni  siano passate  
da Banca Centrale e messe in atto   con modalità predisposte  sotto la responsabilità dei vertici di 
Banca Centrale.
Si tratta di  erogazioni per milioni di
euro: forse 5  per la prima banca e  decine per ciascuna delle 
altre due.

A questo punto occorre che le
risposte vengano fornite dai responsabili politici. Vale a dire dai Segretari
di Stato alle Finanze  pro tempore o, comunque, dai Segretari di
Stato  presenti nel  Comitato per
il Credito ed il Risparmio:  Pasquale Valentini (e Gabriele Gatti),
Antonella Mularoni, Fabio Berardi, Marco Arzilli e Romeo Morri.

Fra l’altro, per i responsabili dei
crac,  stanno  per scadere i termini della prescrizione.  Un fatto importante per una eventuale azione
di recupero. Eppure nessuno dei politici nominati  pare
che se ne sia mai  interessato.  

Saranno chiamati, questi
politici,  a risponderne, politicamente, davanti a una commissione
d’indagine visto che ormai pare essere questa la strada più gettonata dopo il
successo della Commissione 
antimafia
?

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy