“Long drink”: nessuno andrà in galera

Per intervenuta prescrizione non si procederà contro gli autori della maxi truffa allo Stato italiano diventata famosa col nome “Long drink”.

Scrive il Resto del Carlino: L’evasione fiscale ricostruita dagli inquirenti aveva dimensioni stellari. Dopo le verifiche effettuate su 400 società, 30mila fatture e centinaia di conti correnti passati al setaccio, finanzieri e poliziotti avevano quantificato un’evasione all’Iva di 140 miliardi delle vecchie lire, con 1000 miliardi di fatture emesse.

Le triangolazioni nel settore dei liquori e delle bibite in genere coinvolsero anche la Repubblica di San Marino e, si disse, furono una delle cause che spinsero Vincenzo Visco, Ministro della Finanze; ad assediare la Repubblica con la Guardia di Finanza.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy