Mancini sulla intervista di Gatti all’Economy

E’ la prima volta che mi trovo a commentare l’intervista di un altro politico che oltretutto ha un’importantissima posizione di governo.
L’intervista rilasciata a tutto campo del Segretario di Stato alle Finanze Gabriele Gatti al business magazine “Economy”, è interessante anche perché offre qualche informazione in più rispetto al niente dato al nostro parlamento ed è un’occasione di confronto.
Il problema che mi pongo come consigliere di opposizione e come cittadino è se il Segretario Gatti non sia troppo ottimista e rassicurante al punto che sembra che ce la possiamo cavare con alcuni aggiustamenti e poi ripartire.

Io ritengo invece che per San Marino sia arrivata la resa dei conti che non può più essere tenuta nascosta ai cittadini e che la doppia crisi internazionale e con l’Italia, determinerà una situazione molto pesante per il futuro agli effetti del bilancio dello Stato, delle imprese e dell’occupazione. Andrà a colpire il nostro diffuso benessere, in parte artificioso e drogato da attività irregolari dovute ai gravissimi errori della vecchia politica degli ultimi 15 anni gestiti con superficialità e spensieratezza.

Voglio dunque ribadire che al Paese bisogna dire la verità fino in fondo e che va impostato un progetto di lungo termine, legato alle risorse finanziare pubbliche e private, che porti il Paese fuori dalla crisi e imposti un nuovo sistema San Marino legalitario, trasparente, corretto per ripartire con la San Marino delle opportunità e con un sostegno politico stabile, coeso e di qualità che può scaturire solo dal confronto democratico, dal conflitto mite e dall’impegno per il bene comune.

Dobbiamo convincerci che per vincere la grande sfida che abbiamo di fronte dobbiamo puntare decisamente alla professionalità, alla competitività, a nuovi prodotti finanziari, alla nuova economia, a ridurre la burocrazia, a proporre una nuova immagine internazionale della Repubblica. Su questa linea possiamo affrontare tranquillamente la strada della cooperazione economica e commerciale con paesi amici che può dare risultati importanti.
Rimane comunque il contrasto col governo per la secretazione degli accordi che spero venga sciolta nella prossima seduta del Consiglio Grande e Generale. Il mio auspicio è che finalmente il trattato venga approvato e sottoscritto e che non sia troppo penalizzante per la nostra Repubblica.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy