Manovra del governo di San Marino, inaccettabile

Manovra correttiva: inaccettabile!
La manovra correttiva presentata dal Governo, confrontata con i sindacati e le associazioni di categoria, ma non con le forze politiche, ci è ancora oscura nei dettagli.
Sembra però emergervi una preoccupante tendenza a fare pagare la crisi a chi in questi anni ha vissuto solo del proprio lavoro anziché a chi la crisi l’ha generata, sfruttando oltre ogni limite il sistema San Marino.
Se la risposta è contrazione dei diritti di frontalieri e precari e aumento delle tariffe di acqua, luce e gas, significa che questo governo oltre a non avere i numeri sotto controllo, oltre a dare cifre fuori da ogni senso del reale (gli 80 milioni di euro che il governo ha affermato di aver risparmiato, sono in realtà debiti non ancora pagati alle aziende e ai cittadini!), ha anche un atteggiamento iniquo e soprattutto dimostra di essere senza coraggio e senza forza nei confronti di chi ha prosciugato il Paese.
Nessun accenno ad una tassazione degli immobili sfitti e dei beni di lusso, nessun provvedimento per requisire capitali ed immobili frutto di attività illecite legate al riciclaggio e alla frode fiscale massiva nei confronti di stati terzi, nessun provvedimento di tassazione progressiva per i redditi alti. Ed ancora, nessuna azione legale nei confronti dei pirati della finanza e del commercio che hanno messo a rischio la stabilità economica del Paese e gravemente compromesso la sua reputazione.
Per questo la manovra, per quanto è giunto a noi fino a questo momento, è inaccettabile.
Tutti devono partecipare a salvare il Paese, ma non tutti allo stesso modo, chi si è arricchito senza limiti giocando sul concetto di sovranità dovrà pagare di più, molto di più; così anche gli speculatori del mattone e i burocrati dagli stipendi d’oro non sempre meritati. Chi ha fondato il proprio consenso alimentando il clientelismo e l’assistenzialismo non può oggi cercare di riciclarsi dicendo basta a tutto questo! Chi fa ancora parte della casta delle frodi e dell’impunità deve pagare.
Le crisi servono se sono purificatrici, se ripristinano giustizia ed equità, se affermano un nuovo quadro di legalità. Se invece vengono fatte pagare agli ultimi e ai deboli, le crisi servono solo ad affermare ancora più decisamente la violenza del più forte.
Di fronte a quanto sta avvenendo chiediamo ai cittadini di riappropriarsi dello spazio pubblico e di reclamare giustizia, equità e legalità.
Per questo fin da subito aderiamo alla manifestazione della Centrale Sindacale Unitaria: per lottare affinché la crisi non venga fatta pagare ai più deboli, lasciando impunito chi ha compromesso il futuro della nostra Repubblica!

Sinistra Unita

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy