Mons. Luigi Negri commenta il discorso di Papa Benedetto XVI su San Marino

Il Vescovo di San Marino-Montefeltro

ha accolto con profonda devozione e grandissima gioia il messaggio che il Papa Benedetto XVI ha rivolto al nuovo Ambasciatore della Repubblica di San Marino presso la Santa Sede. Il discorso costituisce una straordinaria testimonianza di intelligente comprensione della storia plurisecolare della nostra Repubblica, del momento che vive, delle sfide che la Repubblica è chiamata ad affrontare.

Innanzitutto è significativa questa rilettura della grande tradizione di libertà che caratterizza la storia di San Marino e che ha segnato la sua singolare posizione con altri stati nella storia dell’ occidente europeo.

L’auspicio del Santo Padre è che questa tradizione di libertà viva una stagione di profonda attualità, aiuti il generarsi di una società realmente viva e libera nelle sue articolazioni, una società sostenuta dalle istituzioni proprio nello sviluppo rigoglioso di questa libertà.

Non possiamo nasconderci che il Papa ha avuto una nota di preoccupazione, quella circa il pericolo di una errata laicità, cioè di quella concezione pratica della vita sociale e politica che prendendo le distanze dalla verità e dalla forza dei valori etici e sociali fondamentali, che in questa Repubblica hanno una indubbia, innegabile matrice di carattere cattolico, finisca poi per essere tentata da tendenze di carattere laicistico.

Un discorso quindi appassionato, profondo, intelligente anche nella comprensione degli eventi della storia del passato e del presente della Repubblica di San Marino, che il Vescovo si augura, venga utilizzato da tutta la società di San Marino per questo passo verso una fase nuova della storia della società e delle istituzioni.

Il Vescovo non può nascondere la sua vivissima gratitudine verso il Santo Padre e la sua intima soddisfazione perché in questo messaggio ha visto autorevolissimamente confermato il magistero etico e sociale che egli ha puntualmente proposto nelle scadenze ordinarie e straordinarie della vita sociale della Repubblica di San Marino. Da parte sua il Vescovo professando la incondizionata adesione alla persona e al magistero del Papa si impegna a vivere questa necessità di nuova evangelizzazione e di difesa dei diritti fondamentali della persona e del popolo, senza nessuna timidezza. Forte della fiducia del Santo Padre, il Vescovo continuerà in questa azione che lo ha visto in questi anni in prima linea nella costruzione della Chiesa e nella promozione di una autentica umanizzazione della vita sociale.

Tutti devono sapere che niente e nessuno fermerà il cammino della Chiesa di San Marino-Montefeltro nella sua inderogabile responsabilità missionaria e di promozione della vita culturale e sociale della nostra Repubblica.

+ Luigi Negri

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy