San Marino. Conto Mazzini, il legale di Lonfernini: “Dove è finita la sua corruzione?”

Antonio Fabbri L’informazione di San Marino: Parola alle difese di Giovanni Lonfernini e ai legali della finanziaria FinProject oggi in liquidazione / “Perche’ altri per fatti analoghi non sono a giudizio? Mio cliente va assolto”

SAN MARINO. Si è fatto di tutta un’erba un fascio e si è fatto in modo di confondere le responsabilità del singolo con quelle di un sistema. (…) Ebbene, al gioco di difendere il sistema non ci voglio più stare. Sono qui a difendere Giovanni Lonfernini”. Ha esordito in questo modo l’avvocato Stefano Pagliai, difensore di Lonfernini, appunto. “Me le ricordo con nostalgia – ha proseguito – le fasi iniziali di questo procedimento, perché venivano formulate accuse inconsistenti, ma che comunque avevano il pregio di essere chiare e circoscritte. E siccome non si cavava un ragno da un buco, si sono andate affastellando altre accuse sempre più indistinte e impalpabili rispetto alle quali ci siamo trovati nel decreto di citazione a dover rispondere”, ha detto Pagliai.

“Riconducibile a Lonfernini è il solo libretto ‘Tre’. Su questo sarebbero finiti i soldi della corruzione di Lucio Amati. Abbiamo un provvedimento del commissario Morsiani in cui si dice che è provata la corruzione, peccato che sia un provvedimento di dichiarata prescrizione per Lucio Amati. Ma la corruzione a carico di Lonfernini, per cui si indagava in un primo momento, dove è finita? E’ diventata evanescente. (…)

Leggi l’intero articolo di Antonio Fabbri pubblicato dopo le 23

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy