San Marino. Consiglio, la maggioranza insorge: “Minoranza insulta, noi facciamo i fatti”

L’Informazione di San Marino : Consiglio, la maggioranza insorge: “Minoranza insulta, noi facciamo i fatti”Dopo la rissa sfiorata dall’opposizione avanzata anche la richiesta di un Governo di unità nazionale

SAN MARINO. E’ proseguito, ieri, il dibattito al comma Comunicazioni, incentrato soprattutto sull’indagine aperta dalla magistratura rispetto all’acquisizione da parte di Banca centrale di titoli di Banca Cis. Da parte dell’opposizione le accuse a governo e maggioranza sono durissime, in primis si punta il dito perché non sono state prese in considerazioni le denunce che da tempo erano state fatte sui presunti rapporti tra Bcsm e l’istituto, “sull’asse Confuorti-Grais- Savorelli”. Elena Tonnini, Rete, attacca: “Vi abbiamo messo da tempo sul tavolo, molto prima della questione titoli, le nostre preoccupazioni su Confuorti – manda a dire la consigliera – avete avuto l’pportunità di intervenire per tempo, ma avete fatto finta di niente, ci avete derisi e messi all’angolo”. Dello stesso avviso Alessandro Mancini, Ps: “Tutta una serie di elementi di attualità delle indagini in corso non possono far altro che farci dire che avevamo ragione. L’opposizione aveva per tempo denunciato cose che oggi trovano sostanza”. 

“In questi mesi di legislatura – replica Matteo Ciacci, C10- ci siamo abituati anche a questo modo di fare opposizione, urlando al complotto, contro un sistema marcio contro al malaffare. Sappiamo benissimo che o cambiamo noi San Marino, o non lo farà nessuno. E sapete bene che una nostra vittoria, del Paese, sarà una vostra sconfitta (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy