Rimini. Don Oreste e Cevoli: dov’è lo sportello per la pratica della santità?

RIMINI. Manuel Spadazzi,  Il Resto del Carlino:  Tonaca lisa / Cevoli racconta il ‘suo’ do Oreste “Ha saputo parlare al cuore di tutti”  / La testimonianza dell’attore al Palas tra battute e applausi / 

«Don Oreste santo? Se esiste uno sportello per avviare la pratica di santità ditemelo subito: mi metto in fila…». Non perde mai la voglia di scherzare, Paolo Cevoli, anche quando si parla di Benzi. E ieri l’attore riccionese ha strappato sorrisi e applausi con la sua testimonianza al Palas, al convegno Una vita per amare organizzato dalla Papa Giovanni XXIII per i 10 anni dalla morte del fondatore.
Quando ha conosciuto don Oreste?
«Quando andavo a scuola, al liceo ‘Volta’ di Riccione. Era il mio insegnante di religione, mi è stato simpatico da subito».
(….) 
Il processo di beatificazione per don Oreste è in corso, ma per tante persone lui è già santo…
«Se esiste uno sportello dove presentare la pratica per la santità voglio saperlo subito. Mi metto in fila a fare la pratica… Battute a parte, penso che l’opera di don Oreste la si veda bene da quello che ci ha lasciato: la sua grande comunità, i tanti volontari».
Don Oreste ha toccato anche lei, spesso impegnato in progetti e iniziative per il sociale…
«Diciamo che vado dove mi chiamano. Collaboro con il Banco alimentare (di cui Cevoli è testimonial, ndr) e prima col Banco farmaceutico. Ho avuto dal cielo il dono di essere un patacca, mi piace restituire agli altri quello che ho ricevuto».

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy