San Marino. Sinistra unita chiude il suo percorso: “Radici solide per far crescere la pianta di Ssd”

a.f. – L’Informazione di San Marino : Sinistra unita chiude il suo percorso: “Radici solide per far crescere la pianta di Ssd”Prossimo passo il Congresso del 17 e 18 novembre che darà vita al partito

SAN MARINO. A Sinistra unita e ai suoi membri non piace troppo parlare di “scioglimento”, preferiscono piuttosto parlare di “passaggio” o di “fine di un capitolo e l’inizio di un altro”. “E’ una evoluzione naturale del progetto a cui abbiamo lavorato in questi anni”, dice la coordinatrice Vanessa D’Ambrosio. Era stato l’ultimo congresso di Sinistra Unita a tracciare il percorso della forza politica che doveva portare ad un progetto di aggregazione della sinistra sfociato, appunto, in Sinistra Socialista Democratica. Dunque Su non ci sarà più perché ha esaurito il suo compito in funzione della nascita di un soggetto più grande. “Adesso è il momento di Sinistra Socialista Democratica, quindi via le sigle, c’è solo Sinistra Socialista Democratica. Le radici ci sono, sono belle solide. Adesso facciamo crescere l’albero di Ssd”, ha detto Vanessa D’Ambrosio. E a proposito di radici, praticamente in tutti gli interventi c’è stato il riferimento a Gastone Pasolini, storico presidente di S.u, scomparso ormai un anno fa. “Lui era d’accordo con questo passaggio, lo riteneva necessario”, è stato ricordato. Un percorso, quello di S.u, che era iniziato quando, dopo l’unificazione nel Psd, una parte degli aderenti si è costituita in corrente, Zona Franca, e poi ha deciso di lasciare il partito per arrivare, in seguito, a collaborare con Rifondazione Comunista (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy