San Marino. Torna sotto processo in Italia la Smi del conte Pasquini. Stefano Elli, IlSole24Ore

Segue aggiornamento

SAN MARINO. Stefano Elli, IlSole24Ore, riferisce dei procedimenti in corso a Padova ed a  Siena in cui  si tratta della Amphora di piazza Winckelmann (Roma), collegata alla Smi (già sotto processo a San Marino)  del conte Enrico Maria Pasquini,  nonché delle vicessitudini  di Gianluca Baldassarri accusato di aver fatto parte della ‘banda del 5%‘, Monte dei Paschi di Siena. 

Titolo: Amphora-Smi: processo in itinere / Dalla Capitale a Padova inizia il procedimento sul riciclaggio della fiduciaria romana e sammarinese
L’inchiesta era incardinata su Roma. Titolare delle indagini, la pm Perla Lori. A investigare sui conti cifrati delle fiduciarie Amphora e Smi era stato chiamato il Nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di Finanza. Dalle perquisizioni nella sede capitolina di Amphora di piazza Winckelmann era emersa una lunga lista di nomi. Alcuni dei quali celebri. Una sequenza di presunti evasori fiscali totali o parziali che avevano scelto le società del conte Enrico Maria Pasquini, considerato l’inventore del sistema delle fiduciarie di San Marino, per occultare cifre in nero e allocarle al riparo dall’occhiuta vigilanza delle Entrate. Tra loro nomi noti dell’industria, dello sport e dello spettacolo oltre ad alcuni dei partecipanti alla «squadra del 5%», capitanata da Gianluca Baldassarri. Il «sistema» era basato su sponde. Le somme venivano raccolte a Roma, trasferite a San Marino presso la Smi e da qui spondate presso uno sportello bancario fantasma aperto alle isole Vanuatu, la Uib, gestito dal cognato di Pasquini.  (….) 

Titolo: In aula a Siena la squadra del «5 per cento» / Entra nel vivo il dibattimento sull’ex area finanza di Mps
Entra nel vivo al Tribunale di Siena il processo alla cosiddetta «banda del 5%». Dopo una prima udienza interlocutoria, di fronte al collegio presieduto da Luciano Costantini, nella quale si sono contate le parti e si sono costituite le parti civili, ieri si è iniziato a fare sul serio. Quello che riguarda l’ex capo dell’area finanza di Mps Gian Luca Baldassarri e gli altri 11 imputati è l’ultimo filone giudiziario su Rocca Salimbeni rimasto a Siena. Tutti gli altri, a cominciare da quello sui derivati Santorini e Alexandria e sulle false comunicazioni sociali, sono in corso al Tribunale di Milano. Baldassarri, insieme ad Alessandro Toccafondi, capo del trading finanza di Mps, e agli altri dipendenti della banca (Fabio Pontone, Antonio Pantalena, Italia Sinopoli e Giorgio Filippetto) saranno giudicati con Maurizio Fabris, Fabrizio Cerasani, David Ionni, Luca Borroni e Agnese Marchesini in qualità di fondatori e operatori del broker Enigma. (…)

Aggiornamento, 18/12/2019. Su richiesta dell’avv. Sveva Antonini si fa presente che  “In data 16 luglio 2019 il Tribunale di Siena ha assolto Gianluca Baldassarri, ex capo dell’area finanziaria del Monte dei Paschi di Siena, insieme ad altri professionisti interni ed esterni, perché “il fatto non sussiste”.”

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy