Rimini. La qualità dell’aria migliora: il più basso numero di “sforamenti” da 5 anni

Corriere RomagnaLa qualità dell’aria miglioraIl più basso numero di “sforamenti” da 5 anni

RIMINI. Si respira un’aria lievemente migliore nel territorio di Rimini. Nei mesi di applicazione dell’ordinanza prevista dall’Accordo per la qualità dell’aria nel bacino padano, da ottobre a marzo, sono stati registrati 42 sforamenti ai livelli di pm10 consentiti. Si tratta del numero più basso negli ultimi cinque anni. L’anno scorso furono 66, contro i 56 del 2013-2014, 50 nel 2014 – 15 e infine 48 nel 2015-16.

Quest ’anno, ricordano da Palazzo Garampi, per la prima volta le misure a tutela della qualità dell’aria hanno interessato i Comuni sopra i 30.000 abitanti di tutta l’area padana, in virtù del nuovo accordo che l’Emilia-Romagna ha firmato con il ministero dell’Ambiente insieme alle Regioni Lombardia, Piemonte e Veneto. Le limitazioni hanno riguardato come di consueto la circolazione, con il blocco per i mezzi più inquinanti nella zona a mare della statale 16 dal lunedì al venerdì, il divieto di uso di camini aperti sotto i 300 metri di altitudine, sempre per tutto il bacino padano e il divieto di uso di biomasse per riscaldamento domestico negli impianti con efficienza energetica inferiore al 75% dopo quattro giorni di sforamento. Cinque anche quest’anno le domeniche ecologiche, con lo stop alla circolazione dei mezzi più inquinanti. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy