Rimini. Mamma evade dai domiciliari per sfamare i figli

Andrea Rossini – Corriere RomagnaEvade dai domiciliari per amore dei figli / «Lavorando in carcere posso aiutarli»

RIMINI. Una donna di quarantasei anni evade dagli arresti domiciliari e si costituisce ai carabinieri della stazione più vicina con l’intenzione di tornare in cella. «I miei figli grandi non mangiano: in carcere mi danno la possibilità di guadagnare qualcosa con i lavoretti interni e in quel modo avrò la possibilità di aiutarli». Arrestata per evasione, ieri mattina, l’imputata (difesa dall’avvocato Maria Rivieccio) è comparsa davanti al giudice Raffaele De Florio al quale ha raccontato la motivazione che l’ha spinta a infrangere il divieto di lasciare l’abitazione che si trova attualmente. Il processo con rito direttissimo si è concluso con l’assoluzione della signora con la formula più ampia. Per conoscere il ragionamento del giudice bisognerà aspettare le motivazione: è possibile che nell’atteggiamento della donna non abbia letto la “volontà” di commettere il reato. A muoverla era l’amore per i due figli maggiori che svolgono lavoretti saltuari e attualmente si trovano in cattive acque. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy