San Marino. Ancora difficoltà nel trasferimento di immobili, denunciano i professionisti del settore

SAN MARINO. Partecipata conferenza stampa dei rappresentati degli avvocati e notai, architetti e ingegneri, geometri,  per rendere pubblico  il loro parere sulle recenti nuove norme nel settore edilizio e, in paricolare, per rendere noto di non  avere affatto espresso parere favorevole anche sulla seconda  formulazione  delle norme riguardanti il passaggio di proprietà di immobili e terreni,  pur riconoscendo che alcune storture sono state eliminate. 

Questi i punti di criticità più rilevanti: “Le diffformità (abusi) eventualmente presenti sugli immobili dovevano essere eliminati/sanati, prima della vendita; prima di sottoscrivere l’atto di vendita il proprietario doveva richiedere un certificato di conformità rilasciato dal competente ufficio pubblico attestante che l’immobile non presenta abusi“.

Con il decreto legge n.70 del 2018 approvato il 25 giugno 2018 si sono risolte  alcune problematiche nel trasferimento di proprietà degli immobili create dalla legge n.140 approvata il 14 dicembre 2017. Vengono giudicate  positivamente le modifiche di articoli come ad esempio  il 79 e le aggiunte di altri come ad esempio il 71-bis. Tuttavia alcune problematiche – e di grande peso –  permangono, come  ad esempio quelle  relative alle zone o ai locali  condominiali.

Insomma il mercato degli immobili a San Marino rimane ancora frenato.  

A tenere la conferenza stampa, per gli avvocati e notai, Alberto Selva e Simone Menghini; per gli architetti e gli ingegneri, Maurizio Del Din, Enrico Biordi e Daniel Grassi. 

Leggi il comunicato emesso parallelamente alla conferenza stampa.

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy