San Marino. Camminata del Risveglio, partendo dai propri paesi

SAN MARINO Domenica 19 agosto Camminata del Risveglio: un pellegrinaggio legato alla tradizione che un gruppo di laici, riuniti in Compagnia  ha ripreso e rilanciato. I gruppi partiranno da 45 luoghi diversi, dalle Marche , dalla Romagna e da San Marino, sulle orme dei padri per congiungersi  alle 9  ai Prati della Madonna, dove ad accoglierli ci sarà mons. Andrea Turazzi, fattosi lui stesso pellegrino.

Da San Marino due punti partenza, San Marino Città e Serravalle. L’appuntamento è alle 23.00 di sabato, 18 agosto

La “Camminata del Risveglio” è legata alla tradizione dell’eremo del Faggio, eretto nel XII sec. sul luogo in cui la Madonna è apparsa a soccorrere dei pastorelli in difficoltà e dove venne rinvenuta un’immagine di Maria appesa a un faggio. Trasportata in paese, l’immagine ricomparve ai piedi dello stesso albero. Il prodigio venne interpretalo come la richiesta di edificare un Santuario, dedicato appunto alla Vergine del Faggio. Ai 1.415 mt del massiccio di Carpegna è fissato il “traguardo” domenica 19 agosto del pellegrinaggio indetto dalla Compagnia del Risveglio. Per “pregare, meditare e, con l’entusiasmo di Maria, ascoltare, raccontare quello che Dio ha fatto nel creato, nella storia della Chiesa, nei propri paesi e nella propria vita” spiegano gli organizzatori. Anno dopo anno, la Camminata richiama sempre più pellegrini, alcuni capaci di ore e ore a piedi e in preghiera. Quest’anno è record: i pellegrini partiranno infatti da ben 45 punti diversi, da due regioni (Emilia-Romagna e Marche) e uno Stato (San Marino). Un rivolo che ha ricominciato a scendere quasi 30 anni fa, che pian piano sta diventando un fiume in piena di esperienze. . Il Vescovo di San Marino-Montefeltro, , ha inviato una lettera a parrocchie, fedeli e associazioni per invitare al gesto. “La Camminata del Risveglio è una tradizione assodata, ma sogno sia per tutti come «la prima volta». – ha scritto il Vescovo – . Vorrei che tutte le realtà della Diocesi vivessero questo momento forte di unità”. Ogni anno il Vescovo indice un motivo di preghiera. Per l’edizione 2018 del pellegrinaggio, mons. Turazzi propone “una grande preghiera per i giovani. 

Leggi il comunicato integrale

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy