Rimini. Nella colonia degli sbandati: «Ho perso il lavoro, ora dormo qui»

Mario Gradara. Il Resto del Carlino: Nella colonia degli sbandati: «Ho perso il lavoro, ora dormo qui» / Il nostro viaggio tra clandestini e degrado alla Bolognese.

RIMINI. IL RIFUGIO dei disperati. E dei clandestini. Due cose che non di rado coincidono. L’ex colonia Bolognese non è solo punto di riferimento per ‘traffici’ omosessuali. E’ un tetto sicuro anche per sbandati e senza dimora. Ne abbiamo trovati cinque nel nostro improvvisato blitz, nella tarda mattinata di ieri. Tutti con la pelle scura, africani e nordafricani. Tutti addormentati su giacigli di fortuna, in mezzo a sporcizia, macerie e degrado. Due avevano occupato altrettanti cameroni un tempo destinati ai ‘balilla’, al piano rialzato della struttura di Miramare, inaugurata il 1° agosto 1932 su progetto dell’ingegnere Ildebrando Tabarroni. DORMONO profondamente, nonostante siano passate le undici del mattino, li lasciamo in pace. Saliamo al primo piano, identico a quello rialzato. Stesse due ‘stanze’, salvo il piano in più, scelte da altri sbandati. Ma qui ce ne sono due che dormono nella stanza lato mare.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy