Rimini. Presunta “combine”: beffa in alta quota. «Vinti 44mila euro, voglio i miei soldi»

Andrea Rossini. Presunta “combine”: beffa in alta quota. «Vinti 44mila euro, voglio i miei soldi» / Lo scommettitore che ha puntato 240 euro non accetta il “congelamento” della vincita e minaccia azioni legali contro l’agenzia che ha accettato le giocate: «Mai problemi quando perdo».

«Ho il vizio del gioco e la maggior parte delle volte perdo, ci ho rimesso un sacco di soldi e nessuno ha mai avuto niente da ridire, ma stavolta ho vinto e voglio essere pagato». Uno degli scommettitori che una settimana fa si è visto negare da un’agenzia riminese la possibilità di incassare la somma dovuta per via di un flusso di giocate anomale su una partita della serie B greca si è rivolto all’avvocato Piergiorgio Tiraferri per difendere i propri interessi. «Non so che cosa sia successo in campo, né mi interessa: ad allettarmi è stata solo la quota molto alta che ho scelto di giocare in combinazione con altre partite di campionati importanti e in qualche caso dai risultatiincerti». Intotale, conl’aiuto di un amico e utilizzando le macchinette automatiche presenti nella sala scommesse (situata in viaItalia aRimini)ha puntatoin tutto 240 euro. (…)

Tratto dal Corriere Romagna

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy