«Faremo della Fiera un titolo vincente»

«Faremo della Fiera un titolo vincente»

Il presidente Cagnoni: la quotazione porterà ricchezza a tutto il territorio riminese

MANUEL SPADAZZI. E’ UNA FOTO che entrerà nella storia: Lorenzo Cagnoni e Ugo Ravanelli mentre suonano la famosa campana di piazza Affari, dando il via alle negoziazioni. E’ l’immagine simbolo del nuovo corso della Fiera, da ieri finalmente quotata in Borsa. Un traguardo che Ieg si era posto fin dalle nozze tra le fiere di Rimini e Vicenza, celebrate nel 2016. Dopo il tentativo fatto a dicembre e poi saltato per le condizioni del mercato, stavolta Ieg ce l’ha fatta ricavando oltre 19,9 milioni (18,1 al netto delle commissioni) dalle vendita di 5.392.349 azioni, di cui 4.870.000 del socio di maggioranza, Rimini Congressi, la holding a partecipazione pubblica. Le azioni vendure rappresentano il 17% del capitale sociale, e Rimini Congressi detiene ora il 49,29% delle azioni, ma resta l’azionista di riferimento per effetto del voto maggiorato (che vale il 61%). Le cose sono andate subito bene per Ieg: il titolo, collocato sull’Mta (Mercato telematico azionario) a 3,70 euro per ogni azione, nella giornata del suo debutto ha chiuso in lieve rialzo (+0,78%).  (…)

Tratto da Il Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy