San Marino. Mattia Ronchi (RF) su alcuni episodi di intolleranza

Considerazioni di Mattia Ronchi, consigliere di  Repubblica Futura, a seguito di alcuni episodi di intolleranza che hanno caratterizzato l’inizio di questa campagna elettorale.

“Le ideee e il confronto sono la base di una democrazia”.

Inizia così la nota di denuncia del consigliere. “Manifesti con foto di candidati imbrattate, immagini condivise di un programma elettorale buttato nel bidone (senza peraltro neanche differenziando la plastica dalla carta), un video virale sui social di un programma dato alle fiamme con insulti ai candidati e commenti che incitano ad emulare il gesto, persone che incitano all’uso del bastone. E siamo solo all’inizio della campagna elettorale. E pensare che non è passato neanche un anno da quando la coppia reggenziale D’Ambrosio-Zavoli promuoveva la campagna “NO HATE SPEECH” – contro i discorsi di odio, lanciata dal Consiglio d’Europa.

Ai ragazzi delle scuoleli mettevano in guardia sui pericoli dell’odio e dell’intolleranza in tutte le sue forme, e li invitavano a combattere tutti quei comportamenti che li fomentano, anche se spesso vengono banalizzati e resi normali, usuali, soprattutto online.

Ed anche l’Ordine nazionale dei giornalisti ” -prosegue la nota- “ha recentemente presentato un regolamento per contrastare le espressioni d’odio nel rispetto della dignità umana.

Non c’è però da stupirsi di questo genere di comportamenti da parte di alcuni cittadini, se chi li rappresenta nelle istituzioni per primo incita all’odio o alla violenza, sia sui social che in contesti istituzionali. Tanto che un gruppo di cittadini ha presentato una istanza d’arengo, approvata poi a luglio (purtroppo senza il voto favorevole di tutti), che invitava a tenere un comportamento consono al ruolo che si ricopre nelle istituzioni.”

Mattia Ronchi ricorda come il suo “stesso ingresso in Consiglio Grande e Generale è frutto proprio di un episodio di violenza verbale avvenuto da parte di un consigliere nei confronti di un altro consigliere (poi dimessosi) in un contesto istituzionale.
I cittadini quindi si sentono autorizzati e giustificati a poter essere loro stessi aggressivi nei confronti di persone che anche solo per la prima volta si affacciano alla politica.
Invece il confronto e le idee devono essere alla base di tutto in una democrazia, è normale avere opinioni differenti ma sempre nel rispetto delle persone”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy