San Marino. Brevetto conquistato per Pompieri senza frontiere

Si sono tenuti, al campo di addestramento del 4° raggruppamento dell’Associazione nazionale alpini-Unità cinofile da soccorso della Protezione Civile di Jesi, gli esami nazionali per ottenere l’operatività dei cani da soccorso.

Lo dichiara Pompieri senza frontiere-Unità cinofile da soccorso di San Marino, spiegando in un comunicato di aver “presentato agli esami un binomio costituito dall’Unità cinofila da soccorso Rosa Fiore con Fulmine ottenendo il brevetto operativo nella specialità Macerie”.

“La nostra Unità Cinofila è la prima ad essere operativa sul territorio della Repubblica di San Marino con un’abilitazione ottenuta attraverso un esame riconosciuto dall’Ente della Cinofilia Italiana, con giudici internazionali, questo brevetto permetterà all’unità cinofila di operare in tutto il territorio della Repubblica di San Marino e in Italia per la ricerca di persone travolte sotto le macerie – sottolinea Pompieri senza frontiere-Unità cinofile da soccorso di San Marino -. Questa operatività di Rosa e Fulmine si va a sommare all’operatività in superficie conseguita due anni fa. Un grande vanto per la nostra associazione e per tutta la Repubblica di San Marino, in quanto vi è sul territorio un’unità cinofila operativa pronta in caso di bisogno per la ricerca di persone disperse sia in superficie che in macerie”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy