San Marino. Il parlamento si sposta in teatro

Il parlamento si sposta in teatro

Mascherine, gel disinfettanti e distanze di sicurezza: la politica ai tempi del coronavirus trasloca dallo storico Palazzo Pubblico e va al Kursaal

Mascherine, gel igienizzante, distanze di sicurezza e una sede insolita. Ieri al Kursaal è tornato a riunirsi il Consiglio grande e generale. Nella prima delle tre sedute di questa settimana si è proceduto con una serie di nomine rimaste in sospeso. Il segretario di Stato Luca Beccari aggiorna l’aula sul momentaneo stop dei negoziati per l’accordo di associazione con l’Ue. «Ci è stato proposto un calendario da qui alla fine dell’anno – dice – Il primo incontro sarà nel mese di giugno, quasi sicuramente in videoconferenza». Per Sara Conti di Repubblica Futura «non prevedere alcun confronto tra le parti per un mese e mezzo è stata una scelta antidemocratica». «Non possiamo uscire da soli da questa crisi – è il richiamo di Gerardo Giovagnoli (Npr) – è necessario che San Marino stia all’interno di organismi internazionali, a cominciare dall’Ue, specie in un momento come questo, in cui si chiede aiuto a istituzioni di gerarchia superiore a quella nazionale». (…)

Tratto da Il Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy