San Marino. Gino Sergiani racconta la sua battaglia contro il coronavirus

“Vi racconto i miei 59 giorni all’inferno”

Il sammarinese Gino Sergiani racconta la sua battaglia: “A medici e infermieri devo la vita, avrei voglia di abbracciarli tutti”

DONATELLA FILIPPI – “Siete degli eroi. A voi devo il bene più prezioso: la vita”. Erano bardati dalla testa ai piedi. Mascherine, occhiali, tute protettive, visiere, ma Gino Sergiani i medici e tutti gli operatori sanitari dell’Ospedale di Stato di San Marino, sarebbe in grado di riconoscerli a uno a uno. Perché è grazie alle loro cure e al loro affetto che Gino, 68 anni e una salute di ferro prima del coronavirus, ha vinto la sua battaglia dopo 59 giorni di ricovero, oltre la metà passata in Terapia intensiva. “Li voglio ringraziare tutti – dice dalla sua casa di Domagnano –, a partire da quelli del Pronto Soccorso”. Senza dimenticare il reparto isolamento Covid, la Terapia intensiva, la Geriatria e la Chirurgia. “Ognuno di loro è stato ed è fondamentale”, racconta il sammarinese che giovedì è tornato a riabbracciare i suoi cari. Sergiani il virus lo ha visto in faccia per la prima volta il 27 febbraio. (…)

Articolo tratto da Il Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy