San Marino. Bloccato a 260 metri di profondità

Bloccato a 260 metri di profondità

Sui monti di Como: sammarinese risale in superficie per chiamare i soccorsi per l’amico ferito

È prigioniero da domenica pomeriggio a 260 metri di profondità sulle montagne che dominano il lago di Como il 41enne maceratese Alessandro Cegna, bloccato all’interno dell’Abisso dei giganti, un sistema carsico che si sviluppa per chilometri sotto il Pian del Tivano molto noto tra gli appassionati di speleologia di tutta Europa. Il macerate, molto noto in città anche per essere il presidente del poligono di tiro, era sceso nell’intrico di grotte e cunicoli venerdì in compagnia di alcuni membri dello Speleo Club Cai di Erba* e all’amico Fabio Bollini di San Marino. Un’escursione tranquilla quella che avevano programmato i sei speleo che sono scesi fino a –350 metri nel cuore della montagna dopo aver superato diversi pozzi, da cui ci si cala utilizzando le corde, e superato stretti cunicoli. (…)

Tratto da Il Resto del Carlino

 

*Rettifica arrivata in redazione dallo Speleo Club CAI Erba

“Scriviamo in relazione all’articolo pubblicato sul Vostro sito “Libertas”, in data 09/06/2020 con il titolo “San Marino. Bloccato a 260 metri di profondità”, riguardante l’intervento di Soccorso Speleologico tuttora in corso in Pian del Tivano (Lombardia – Como) nella cavità denominata Abisso dei Giganti. 

Con la presente, teniamo a precisare che nessun componente della comitiva coinvolta nella vicenda è membro dello Speleo Club CAI Erba, come erroneamente riportato, e che lo stesso sodalizio non è a conoscenza delle attività che vengono svolte nella cavità in oggetto. 

Gli speleologi facenti parte della Sezione CAI ERBA sono stati formati dopo corsi ufficiali CAI, tenuti da Istruttori Qualificati; pertanto si attengono a norme di conduzione dettate dalla Scuola di Speleologia ed in oltre, data l’attuale situazione sanitaria, alle disposizioni regionali, nazionali e dettate dal CNSAS. 

Vi chiediamo, pertanto, di rettificare immediatamente quanto scritto e di non incorrere più nello stesso errore. 

Inoltre, dal momento che avete citato una fonte diversa delle informazioni da voi riportate, vi chiediamo cortesemente di verificare quanto scritto in quanto altre informazioni presenti nell’articolo in questione non corrispondono a verità. 

Ringraziandovi per l’attenzione, 

Erba, 09/05/2020 

Il Presidente 

CAI ERBA 

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy