Rimini. Gabbiani presi a fucilate. Ricercato il cacciatore

Gabbiani presi a fucilate. Ricercato il cacciatore

Già due gli uccelli colpiti nel giro di una settimana, indaga la Forestale L’assessore Sadegholvaad ha ritrovato il secondo esemplare ferito

Caccia al ‘killer’ dei gabbiani. Nel giro di una settimana, tra il 30 maggio e il 6 giugno, sono stati già due gli uccelli colpiti da ignoti con un fucile ad aria compressa. Il primo gabbiano ferito è stato ritrovato, il 30 maggio, nella zona del porto. Sono stati chiamati subito i volontari del Cras, il Centro recupero animali selvatici di Rimni, purtroppo per l’animale non c’è stato nulla da fare. A ritrovare il secondo gabbiano a cui avevano sparato è stato, sabato scorso, l’assessore Jamil Sadegholvaad. «Sono uscito, richiamato da uno strano rumore, e ho trovato l’animale sanguinante che non riusciva più a spiccare il volo. Era ferito a un’ala, ho chiamato i volontari del Cras e ho scoperto poi da loro che quella ferita era stata provocata da un’arma».  (…)

Tratto da Il Resto del Carlino

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy