Rimini. L’accusa: spinse il debitore al suicidio, usuraio condannato a 4 anni e 8 mesi

L’accusa: spinse il debitore al suicidio, usuraio condannato a 4 anni e 8 mesi

La pressione a partire dal prestito di cinquemila euro: la vittima temeva conseguenze per i familiari

ANDREA ROSSINI. Spinse un uomo alla disperazione al punto che preferì uccidersi invece di sprofondare nella vergogna agli occhi dei suoi cari e “liberarsi” dal giogo imposto dal suo presunto aguzzino. Con l’accusa di usura, estorsione, lesioni e per il delitto di morte come conseguenza di usura ed estorsione il giudice Vinicio Cantarini ha condannato a quattro anni e otto mesi di reclusione Luca Festinese, napoletano di trenta anni. Il processo si è svolto con rito abbreviato (che garantisce lo “sconto” di un terzo della pena). L’imputato, che era difeso dall’avvocato Massimiliano Orrù, dovrà anche pagare una multa di quattromila euro. (…)

Tratto dal Corriere Romagna

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy