notiziefresche.info, San Marino sull’orlo del precipizio?

notiziefresche.info

San Marino sull’orlo del precipizio?


San Marino in bancarotta così com’è già capitato all’Islanda nell’ottobre del 2008? Negli ultimi mesi le voci su un possibile default della più antica Repubblica del mondo si sono susseguite da più parti, specialmente da alcuni organi di informazione nazionale Italiani eppure, da parte del Governo Sammarinese si sono susseguite e continuano a susseguirsi smentite su smentite. Ad onor del vero però va riconosciuto come i rapporti tra Italia e San Marino non siano propriamente idilliaci, con il Governo della piccola ed antica Repubblica che parrebbe intenzionato ad aprire un dialogo con quello italiano.

Le basi dell’economia messe a dura prova. In effetti, considerando che l’economia sammarinese si basa principalmente sull’intermediazione finanziaria e l’attività bancaria in generale, è facile intuire come la crisi mondiale abbia gettato un enorme masso in un lago che a prima vista sembrava avere acque piuttosto tranquille, fino a far arrivare alcuni organi di stampa italiani a vociferare di una possibile mancanza di liquidità da parte dello Stato persino per il pagamento degli stipendi ai dipendenti pubblici.

Lo spauracchio black-list. Un primo, significativo e duro colpo per la piccola Repubblica arriva verso la fine di aprile, quando il governo Italiano con il decreto-incentivi lo inserisce nella famigerata black-list dei paesi non collaborativi in materia di trasparenza fiscale. Una scelta che non fa felice i funzionari sammarinesi, intenti nel preparare una riforma per evitare di finire nel libro nero dei paesi non virtuosi.


Le difficoltà delle imprese. Se nel passato, quindi, molte imprese italiane spostavano la loro sede in cima al Titano per una più vantaggiosa defiscalizzazione ora, paradossalmente, comincia a verificarsi il fenomeno opposto. Infatti, per una azienda italiana che intrattiene rapporti con un fornitore o cliente sammarinese, gli adempimenti fiscali ed il rischio di attirare l’attenzione delle Fiamme Gialle italiane aumenta in modo esponenziale. E’ il caso di Karnak, che ha aperto una filiale marketing a Rimini e, notizia di questi giorni, della compagnia Passepartout, che realizza software per studi professionali e che sposterà la propria sede in Italia per favorire i propri clienti.

“L’assedio” della Guardia di Finanza. Come non bastasse, negli ultimi mesi lo Stato italiano ha anche adottato altre misure che hanno sostanzialmente cominciato a far scricchiolare il sistema-San Marino. Da molto tempo infatti l’ingresso alla Repubblica del monte Titano viene presidiato da pattuglie della Guardia di Finanza che effettuano costanti controlli in entrata ed in uscita da San Marino. L’obiettivo è cercare e stroncare sul nascere qualsiasi traffico illecito possa generarsi tra il piccolo Stato e l’Italia.

Cinque miliardi via con lo scudo. Una ulteriore stoccata alla, finora presunta, instabilità sammarinese sarebbe infine arrivata dallo scudo fiscale approvato dal Governo italiano nel corso dell’estate del 2009 e grazie al quale dal piccolo Stato sarebbero fuoriusciti ben cinque miliardi di euro. Tutti soldi questi che avrebbero ulteriormente aggravato la crisi del sistema finanziario della piccola Repubblica.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy