NQNews di Rimini. Crac Aeradria, Rinaldis (AIA) dopo il sequestro dei beni dell’associazione: ‘Cornuti e mazziati’

Nuovo Quotidiano di Rimini: Il crac di Aeradria e della collegata Rdr travolge anche i titolari degli hotel riminesi. “Ma non staremo a guardare. Faremo valere fino in fondo le nostre ragioni” / Rinaldis: “Siamo alla follia” / La leader degli albergatori attacca dopo il sequestro dei beni dell’associazione deciso dal tribunale di Bologna / “Colpo durissimo e che ci ha colto di sorpresa. Paghiamo per colpe di altri e ciò è profondamente ingiusto”

RIMINI. “Siamo alla follia. Cornuti e mazziati”. Il giorno dopo il sequestro da parte del tribunale civile di Bologna di tutti i beni di proprietà dell’Associazione Albergatori di Rimini (sede, partecipazioni societarie e conti correnti) nell’ambito della vicenda Aeradria, la presidente dell’organizzazione Patrizia Rinaldis non ha ancora sbollito la rabbia e l’amarezza per quanto successo. “E’ stato veramente un colpo durissimo che non ci aspettavamo – afferma la Rinaldis – “Che c’entriamo noi con il crac di Riviera di Rimini Promotion (la società collegata ad Aeradria, che ha gestito l’aeroporto di Rimini fino al fallimento avvenuto il 26 novembre scorso, ndr)? (…)”


Patrizia De Rinaldis,n.1 AIA Rimini

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy