On. Gianni Farina (Pd): ‘La proposta del Comites di San Marino è ragionevole e fattibile’

“Gli italiani in Europa hanno diritto all’acquisizione della cittadinanza del Paese dove vivono. Sostengo questo diritto perché favorisce il processo di integrazione delle comunità straniere nei Paesi di residenza e va incontro al principio della doppia cittadinanza.
La proposta del Comites di abbassare da 25 a 15 gli anni della residenza per l’ottenimento della cittadinanza sammarinese e da 15 a 10 per la naturalizzazione del coniuge, senza perdere la cittadinanza originaria, è ragionevole, fattibile e va incontro agli stessi interessi della Repubblica di San Marino.
La Confederazione Elvetica, che tra i Paesi dell’Europa aveva le normative più restrittive in materia di naturalizzazione, ha varato una legge che permette anticipatamente a centinaia di migliaia di giovani stranieri di prendere il passaporto rossocrociato senza rinunciare alle cittadinanza dei loro genitori. Dopo 4 rifiuti consecutivi, il 12 febbraio 2017 i cittadini elvetici hanno detto finalmente sì, facendo compiere alla legislazione del loro paese un grande passo avanti.
I principi dello jus soli e dello jus culturae (o jus domicilii) si sono affermati in tutta Europa, dall’Olanda, all’Irlanda, dalla Germania al Belgio. La Repubblica di San Marino può, quindi, guardare con maggiore apertura e fiducia a quanto è avvenuto in tutti i Paesi europei. La stessa legge italiana risalente al 1992, che per un soffio non è stata riformata nell’ultima legislatura, è più permissiva di quella di San Marino.
Per ragioni di prossimità, culturali e linguistici, ritengo che il governo italiano all’indomani delle elezioni, debba avviare un confronto con le autorità di San Marino per una revisione della legge allo scopo di agevolare la naturalizzazione dei cittadini italiani ivi residenti, salvaguardando la cittadinanza di origine. Si tratta di una specificità da affrontare anche con le trattative bilaterali per il futuro dei 12 mila connazionali”.

On. Gianni Farina
Candidato alla Camera dei Deputati per il Partito democratico nel collegio Europa

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy