Politici di San Marino a cena coi Vallefuoco. L’Informazione di San Marino

David Oddone di L’Informazione di San Marino: Emergono nuovi allarmanti elementi.  Sul Titano sono aperti due fascicoli sul clan /   Politici di spicco a cena  al Mod’s Cafe’ con Vallefuoco  prima deLLe elezioni deL 2008 / Emergono nuovi allarmanti elementi. “Arturo”? E’ una vittima, procacciava i voti per un partito

L’operazione “Staffa” ha messo in evidenza una volta di più come a San Marino ci sia la camorra. Ora ci si interroga sugli agganci politici di questi personaggi, se qualcuno ha delle responsabilità e se c’è connivenza da parte di questo o quel partito. Una chiave di lettura la fornisce una particolare intercettazione: “Ambientale n. 23 ore 22:01 del 23.10.2008 (Audi A6) quando Vallefuoco parlando in macchina con tale Gigino riferisce di un discorso fatto con tale Arturo “ … Arturo, so del rapporto che hai con delle persone … Napoli e Caserta sono un pò amareggiate perché qualcuno sta pestando i piedi ad un nostro collaboratore … tu sai bene io con chi collaboro qui sopra e sai bene che io non sono una pedina sola sulla scacchiera …….”.

L’Arturo di cui si parla, altri non sarebbe che un “procacciatore” di voti, una vittima. A quanto si è riusciti ad apprendere, il soggetto era impegnato alla vigilia delle ultime elezioni a procacciare voti per i candidati di un particolare partito. Il Vallefuoco  avrebbe in qualche modo compreso che poteva anche prospettarsi un cambio di governo. Chi ha memoria storica, ricorderà una campagna elettorale molto dura. Per questo il Vallefuoco minacciò letteralmente il “procacciatore” di voti, spiegandogli di dire ai suoi referenti che chiunque avesse vinto le elezioni, non avrebbe dovuto interferire con il “lavoro” di Livio
Bacciocchi
. Quest’ultimo insomma era intoccabile. Ma c’è un fatto ancora più inquietante. Prima di questa intercettazione ambientale, si sarebbe tenuta presso il ristorante Mod’s Cafè di Gualdicciolo una cena alla quale avrebbero partecipato il Vallefuoco, “Arturo” ed esponenti politici di primo piano. Questa situazione sarebbe peraltro stata segnalata alle forze dell’ordine italiane. Per chiarire meglio i contorni di una vicenda delicata e allarmante, non resta che attendere che dal Tribunale di Napoli vengano trasmesse a San Marino tutte le carte disponibili, poi dovranno partire gli interrogatori. E’ ovvio che se emergerà in maniera chiara e palese una connivenza tra mafia e politica, bisognerà agire di conseguenza e con il massimo rigore

Leggi l’intero articolo di David Oddone, L’Informazione di San Marino

Leggi la ordinanza cautelare del gip di Napoli Isabella Iaselli con intercettazioni


Vignette di Ranfo

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy