Ps: Ecco i risultati del fallimento Valentini – Arzilli

ECCO I RISULTATI DEL FALLIMENTO VALENTINI – ARZILLI
Dati Fmi: 250 milioni di buco di bilancio e Pil ridotto del 25%
L’FMI ha diffuso dati allarmistici sui conti pubblici. Secondo quanto afferma l’ente monetario, entro la fine del 2012 il debito pubblico raggiungerà una cifra altissima: 250 milioni di euro.
Si tratta del 17% del Pil, e le proiezioni per il futuro non sono assolutamente incoraggianti: si prevede che nel 2017 il debito pubblico sarà addirittura raddoppiato.
Quando a dichiararlo pubblicamente erano i consiglieri del Partito Socialista, venivano accusati di “catastrofismo” dai rappresentanti del Governo e dai titolari dei due principali dicasteri da cui dipende l’economia della Repubblica.
Oggi abbiamo il conforto che a dirlo sia il Fondo Monetario Internazionale, che conferma la gravissima precarietà dei conti pubblici.
Questi dati sono totalmente in contrasto con quanto hanno sempre affermato in passato i responsabili economici del Governo: Pasquale Valentini, Segretario di Stato per le Finanze, e Marco Arzilli, Segretario di Stato per l’Industria, che tacendo sulla gravità della situazione, hanno preso in giro i cittadini con un atteggiamento falsamente rassicurante.
Il Partito Socialista trova ingiusta questa mancanza di chiarezza, convinto che, soprattutto per tematiche così importanti per il bene del Paese, siano necessarie sincerità e trasparenza.  Gli slogan fumosi e le promesse imbonitrici hanno l’obiettivo esclusivo di orientare a proprio piacimento l’opinione pubblica, ma non producono nulla di concreto e soprattutto non risolvono i problemi, anzi, danneggiano ulteriormente il Paese.
Il Governo uscente, oltre a non dare il giusto peso alla questione del debito pubblico, non è riuscito neppure a dare risposte adeguate sul piano economico e finanziario.
I dati a riguardo, relativi all’ultimo quadriennio, parlano chiaro:
    si sono liquefatti 25 punti percentuale di prodotto interno lordo;
    il numero dei disoccupati è aumentato, raggiungendo la quota attuale di 1220 unità;
    quasi 200 imprese hanno chiuso;
    la raccolta bancaria si è dimezzata;
    il buco di bilancio nel 2012 ha raggiunto la somma di 250 milioni di euro.
Questi sono i dati reali e la situazione oggettiva in cui si trova il Paese e non slogan da campagna elettorale. Da qui bisogna partire.
Alla luce di questi dati ci si rende facilmente conto della criticità della situazione, peggiorata dalla cattiva gestione economica e finanziaria da parte dei segretari Valentini e Arzilli, che hanno ulteriormente aggravato la recessione con la scelta di incrementare la pressione fiscale.
Il Governo uscente ha evidentemente fallito. Noi Socialisti vogliamo opporci a questo stato di cose.
“Intesa per il Paese” nei primi 24 mesi di Governo ha l’obiettivo di: risolvere i rapporti con l’Italia con la conseguente uscita dalla black list, introdurre il sistema IVA, definire un sistema fiscale improntato su criteri di equità e trasparenza, adottare una metodologia per migliorare il processo di decisione e di allocazione delle risorse e la performance dell’amministrazione pubblica in termini di economicità, qualità ed efficienza dei servizi offerti ai cittadini; tutti punti ampiamente trattati specificamente nel programma di Governo.
San Marino, 15 ottobre 2012             Ufficio Comunicazione Partito Socialista

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy