Qualche difficoltà per Alex De Angelis a Jerez

A mettersi di mezzo e rovinare i piani di Alex De Angelis a Jerez è arrivata anche l’influenza. La terza gara stagionale del pilota sammarinese in forza al team San Carlo Honda Gresini è stata infatti condizionata da qualche linea di febbre e dal raffreddore che non ha permesso ad Alex di scendere in pista al 100% della forma. Dopo le qualifiche difficili di sabato che avevano relegato il pilota biancazzurro in quindicesima posizione, Alex ha chiuso il terzo appuntamento mondiale con un 14° posto.

“La mia gara è stata condizionata dal fatto che davanti a me avevo Toseland a bloccarmi, il mio ritmo era buono ma lui staccava davvero forte e così non sono riuscito a sorpassarlo- ha commentato Alex. Se così non fosse stato sarei riuscito sicuramente a superare qualche altro pilota e guadagnare qualche punto in più. La gara per me è stata anche un più dura perché da sabato sera ho iniziato a non sentirmi molto bene, qualche linea di febbre e il raffreddore hanno fatto si che non riuscissi praticamente a respirare dal naso. Il risultato di oggi non mi soddisfa ma né io è il team ci arrendiamo. La prossima gara di Le Mans sarà ancora difficile per noi, dovremo trovare nuove soluzioni nel minor tempo possibile. Poi però ci saranno circuiti a noi più favorevoli, a partire dall’appuntamento del Mugello. Nel frattempo attendiamo aggiornamenti da Honda, richiesti più a volte e non ancora concessi”.

Un risultato che non soddisfa Alex ma che gli darà ancora più voglia di trovare il suo riscatto nei prossimi appuntamenti. Dopo il Gp di Francia, sarà la volta del Mugello e poi ancora del Gp di Catalunya, circuiti che ben si adattano alle potenzialità della RC212V del team Gresini.

De Angelis avrà una settimana per riposarsi e ristabilire la perfetta forma fisica prima di affrontare la gara francese sul celebre tracciato di Le Mans programmata per il 17 maggio.

A mettersi di mezzo e rovinare i piani di Alex De Angelis a Jerez è arrivata anche l’influenza. La terza gara stagionale del pilota sammarinese in forza al team San Carlo Honda Gresini è stata infatti condizionata da qualche linea di febbre e dal raffreddore che non ha permesso ad Alex di scendere in pista al 100% della forma. Dopo le qualifiche difficili di sabato che avevano relegato il pilota biancazzurro in quindicesima posizione, Alex ha chiuso il terzo appuntamento mondiale con un 14° posto.

“La mia gara è stata condizionata dal fatto che davanti a me avevo Toseland a bloccarmi, il mio ritmo era buono ma lui staccava davvero forte e così non sono riuscito a sorpassarlo- ha commentato Alex. Se così non fosse stato sarei riuscito sicuramente a superare qualche altro pilota e guadagnare qualche punto in più. La gara per me è stata anche un più dura perché da sabato sera ho iniziato a non sentirmi molto bene, qualche linea di febbre e il raffreddore hanno fatto si che non riuscissi praticamente a respirare dal naso. Il risultato di oggi non mi soddisfa ma né io è il team ci arrendiamo. La prossima gara di Le Mans sarà ancora difficile per noi, dovremo trovare nuove soluzioni nel minor tempo possibile. Poi però ci saranno circuiti a noi più favorevoli, a partire dall’appuntamento del Mugello. Nel frattempo attendiamo aggiornamenti da Honda, richiesti più a volte e non ancora concessi”.

Un risultato che non soddisfa Alex ma che gli darà ancora più voglia di trovare il suo riscatto nei prossimi appuntamenti. Dopo il Gp di Francia, sarà la volta del Mugello e poi ancora del Gp di Catalunya, circuiti che ben si adattano alle potenzialità della RC212V del team Gresini.

De Angelis avrà una settimana per riposarsi e ristabilire la perfetta forma fisica prima di affrontare la gara francese sul celebre tracciato di Le Mans programmata per il 17 maggio.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy