Riccione: Il Comune tassa i bagnini

(da “Il Resto del Carlino”) Chi ha messo mani al proprio stabilimento balneare o ha riqualificato il bar di spiaggia dopo il13 gennaio del 2005, utilizzando una semplice dia o un permesso a costruire, dovrà pagare gli oneri come accade per le civili abitazioni, i bar, i ristoranti e gli alberghi.

Tutto ciò per avere al Comune per portare fondi utili per i servizi come la fognatura e le reti di gas e acqua. Nel caso di ampliamento, il costo degli oneri primari è di 32€/mq mentre quelli secondari 45€/mq.

Nel caso di ristrutturazione, invece, per gli oneri primari 12€/mq e per quelli secondari 18€/mq.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy